LA DANNAZIONE DELLA SIRENA di Ornella Calcagnile - Recensione

lunedì 16 marzo 2015


Eccomi qui a parlarvi dell'ultimo racconto pubblicato da questa autrice e blogger di cui ho praticamente letto tutto, credo mi manchi solo un racconto. Purtroppo il tempo a disposizione e gli impegni precedenti mi hanno permesso di recensire per il momento solo il suo romance (FIL ROUGE che trovate QUI), ma spero di recuperare presto in tal senso perché vi assicuro che anche gli Urban Fantasy che scrive sono avvincenti, con colpi di scena che ti lasciano spiazzata e soprattutto adoro i suoi finali che lasciano spazio per un immaginario seguito...


Ma dopo questa divagazione torniamo al libro di cui voglio parlarvi oggi, e GRAZIE di cuore a Ornella Calcagnile per avermi permesso di leggerne una copia!

LA DANNAZIONE DELLA SIRENA di Ornella Calcagnile


Titolo: La Dannazione Della Sirena
Autore: Ornella Calcagnile
Editore: Lettere Animate
Pagine: 37
Genere: Racconto Urban/Dark Fantasy
Formato: ebook
Prezzo: €.0,99

Pubblicazione: 9 marzo 2015

BIOGRAFIA AUTRICE




Sinossi
L’oceano nasconde rare beltà come sirene e tritoni. Ma la bellezza e la longevità, il privilegio di vivere sia negli abissi che sulla terra, hanno caro prezzo: la dannazione.
Tide è una sirena che rifiuta i lati oscuri della sua specie e prima che la maledizione tocchi anche lei, scappa per vivere serenamente ciò che le resta della sua esistenza. Si nasconde nel Mediterraneo dove si lascia cullare dal calore delle sue acque e delle popolazioni costiere, finché non si innamora di Marsiglia e non incontra Florian, che le regala nuove sensazioni e sapori. L’idillio, purtroppo, si interrompe sul nascere; le sorelle della giovane sirena, dopo aver ucciso Florian, trascinano Tide nel loro regno, punendola duramente e riportandola sulla retta via. Lei è la loro adescatrice di uomini, ha il compito di sfamare la sua famiglia con carni umane, da cui dipende la loro sopravvivenza. 
Tide, determinata a non subire più castighi, accetta con rammarico quel ruolo che da sempre la opprime e che detesta, ma una sera quella fermezza vacilla: Enrico, giovane italiano, le riporta alla mente ricordi tanto piacevoli quanto dolorosi, ponendola nuovamente di fronte a una scelta, in bilico tra coscienza e razionalità: risparmiarlo o cedere alle pressioni delle sue fameliche sorelle?
La mia opinione

 Il destino è segnato dalla propria natura o quelle catene che sembrano segnare la propria esistenza si possono spezzare? 

E' questo l'interrogativo che mi ha lasciato il nuovo racconto di Ornella Calcagnile. Anche questa volta l'autrice non si smentisce e riesce a creare un mondo particolare partendo da un'idea originale: trasferire nel nostro tempo il mito delle sirene, di una bellezza abbagliante che cela un terribile lato oscuro. 


"Sapevo di non avere possibilità di sfuggire alla mia famiglia, eppure mi ero illusa, anzi, ho voluto illudermi. Desideravo enormemente di poter assaporare qualche attimo di spensieratezza lontano dagli orrori a cui ero abituata praticamente da sempre, atrocità con le quali avrei dovuto convivere anche io una volta diventata adulta."

Protagonista assoluta è Tide,  una sirena ancora in quell'età della sua esistenza che non l'ha fatta cedere alla dannazione della sua specie. E' una ragazza di una bellezza unica e particolare, appariscente come solo queste creature possono essere. Nel suo animo si cela la voglia di cambiare il suo destino, dentro di lei sente crescere la volontà di allontanarsi da quei gesti inumani a cui le sue sorelle sembrano essere abituate.

La società delle sirene che ci viene descritta è oscura, un ambiente in cui non sembra esserci posto per i sentimenti, ma dove tutto ciò che viene compiuto è in funzione della sopravvivenza.

Tide rappresenta appieno la doppia natura che convive in lei, quella di sirena, che ama la libertà di nuotare libera, apprezza il contatto con la natura e trova a volte irritanti alcuni uomini che non si rendono conto della loro mancanza di rispetto per il pianeta; e quella di umana, che vorrebbe essere libera di provare dei sentimenti, di muoversi per il mondo e avvicinarsi agli altri senza secondi fini.

La sua indole buona avrà la meglio sul lato oscuro? Avrà abbastanza coraggio per sfuggire alla volontà delle sue sorelle?

In poche pagine l'autrice riesce a caratterizzare non solo una protagonista a cui il lettore subito si affeziona, ma parla tra le righe di alcuni temi come la cura per l'ambiente, le "leggi del branco"  e il coraggio di seguire le proprie convinzioni

Una storia originale e ben scritta, perfetta come racconto ma che personalmente vedrei benissimo anche come prologo per un romanzo!

Ah dimenticavo... piccola nota per la cover che trovo assolutamente MERAVIGLIOSA!!

La mia valutazione:    CUORECUORECUORECUORE


2 commenti:

  1. Cara Deb io e te siamo agli opposti, io di Ornella ho letto tutti quelli che a te mancano Spicchi di Luna, Helena, Black, é la mia natura, e mi mancano da leggere questo la dannazione della sirena e Fil Rouge, però sono d'accordo con te Ornella sa creare delle storie fantastiche partendo da un'idea originale, e sa inoltre coinvolgere il lettore. Devo dire che apprezzo molto lo stile di Ornella, e rimedierò presto alle mie mancanze anche perchè i libri sono già nel mio lettore devo solo leggerli eheheh

    RispondiElimina
  2. Stefania in realtà li ho letti anch'io , forse l'ho detto in maniera un po' contorta, mi manca solo E' la mia natura, ma ho letto anche gli altri, solo non ho ancora avuto tempo per scrivere la recensione :-P
    Però confermo, Ornella scrive storie originalissime e coinvolgenti, ti consiglio vivamente Fil Rouge perchè è stupendo!!

    RispondiElimina