INIZIO' TUTTO CON UN BACIO di Miranda Dickinson - Recensione

domenica 17 maggio 2015

Dopo tanti autori emergenti e non italiani ho infilato tra le letture anche qualcosa di straniero e oggi ho deciso di parlarvene. 
Si tratta di un romanzo che ho acquistato in edizione economica, carino e piacevole anche se non ha spiccato tra quelli letti.

Esiste l'amore a prima vista? E può competere con un rapporto fatto di complicità e affetto sincero?
INIZIO' TUTTO CON UN BACIO

Titolo: Iniziò tutto con un bacio
Autore: Miranda Dickinson
Autoconclusivo
Editore: Newton Compton
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 341
Amazon
Sinossi
Ci sono baci che non dimentichi. Ma solo uno è quello giusto
È vero amore? Basta un bacio per scoprirlo
Quanto lontano dobbiamo andare per trovare l’uomo dei nostri sogni?
Romily lavora come autrice di musiche per la pubblicità e nel weekend si esibisce con una band ai matrimoni. Pochi giorni prima di Natale, dopo essersi lanciata in una disastrosa dichiarazione d’amore al suo migliore amico, incontra un affascinante sconosciuto tra le bancarelle del mercatino di Birmingham. Tutto accade in un attimo: i loro occhi si incrociano e, senza una ragione apparente, i due si scambiano un bacio appassionato.
Un minuto dopo, l’uomo scompare e Romily, sopraffatta dall’emozione, non ha neppure il tempo di chiedere il suo nome. I mesi passano, ma per lei è impossibile dimenticare quel bacio. Così, con l’aiuto e il sostegno degli amici, decide di dedicare il suo ventinovesimo anno alla ricerca di chi, con un solo bacio, l’ha stregata. Per poter condividere i suoi pensieri e i suoi sentimenti crea un blog che, con il passare del tempo, ha sempre più successo, così come la sua carriera di cantante. Ma, nonostante le affannose ricerche, l’uomo del bacio sembra essersi dissolto nel nulla. Romily, ormai scoraggiata, ha quasi deciso di abbandonare il sogno di ritrovarlo, ma proprio in occasione di un importante matrimonio, tra la folla intravede l’affascinante sconosciuto, con un abito davvero elegante... Possibile che sia arrivata troppo tardi? I grandi amori non dovrebbero resistere a tutti gli scherzi del destino? O forse la risposta è un’altra e il vero amore è sempre molto più vicino di quanto si creda.
La mia opinione

Cosa fareste se dopo anni a provare un sentimento d'amore per il vostro migliore amico trovaste il coraggio di confessarlo e la sua reazione non fosse quella sperata? E se subito dopo incontraste un uomo che con un solo bacio rubato e improvviso vi sconvolgesse il cuore e la mente per poi fuggire senza lasciarvi un nome o un recapito?
Non so voi ma io sicuramente non avrei avuto il coraggio (o la pazzia) della protagonista Romily, che ingaggia una vera e propria ricerca per inseguire quello che sente essere la persona del destino.

"Quando si voltò verso di me il modo in cui mi guardò mi tolse il fiato.Era il tipo di sguardo che si vede nei film quando lo sposo si volta a guardare la sposa che cammina verso di lui per la prima volta: un inebriante e avvolgente mix di shock, sorpresa e amore che tutto comprende e ferma il cuore.”

Un istante, un unico sguardo e un lieve bacio sono tutto ciò che è bastato a Romily per perdersi nell'illusione che quello sconosciuto sia il grande amore. E così supera le paure e i condizionamenti e per una volta decide di seguire l'istinto provando in tutti i modi a cercarlo, dandosi un anno di tempo per farlo. Ma questa ricerca si trasforma ben presto in un viaggio che la protagonista compie per crescere, cambiare e diventare la donna che ha sempre voluto essere: libera, coraggiosa, indipendente. Lei che è sempre stata innamorata del suo miglior amico Charlie, che per lui ha rinunciato ad altre occasioni, senza preavviso incontra l'amore che fulmina e ti fa sperare.

Romily fa parte di un gruppo che suona ai matrimoni, e il gruppo è diventato tutta la sua famiglia. Ha dei genitori che non la accettano, vorrebbero vederla sistemata, e degli zii che sono innamorati ed esilaranti nel loro entusiasmo quando la aiutano nella ricerca dell'uomo misterioso.

Per rintracciarlo è disposta a tutto, apre addirittura un blog, e si troverà a fare i conti con diffidenza, invidie e cattiverie, ma anche solidarietà e affetto sincero.

In tutto questo anche Charlie si renderà conto che Romily è più importante di quello che ha sempre pensato, ma si trattiene, non vuole rovinare l'amicizia che c'è tra loro , anche se soffre in silenzio.

La storia è carina, la lettura piacevole, però l'autrice si è troppo concentrata su descrizioni e particolari che non aggiungono nulla al racconto, anzi a volte lo rallentano a discapito di un maggior approfondimento dei personaggi e dei loro rapporti affettivi. 

Nonostante questo ci si ritrova comunque presi dal racconto e si arriva al finale con la curiosità di sapere quale sarà l'uomo destinato a stare accanto a Romily: Charlie l'amico di sempre che sembra comprenderla come nessun altro, o quello sconosciuto di cui non sa nulla ma che è sempre presente nei suoi pensieri?

Non vi dirò nulla sulla scelta, sappiate solo che vi ritroverete a spesso a parteggiare prima per l'uno e poi per l'altro, anche se il finale forse è un po' scontato (personalmente io lo avrei preferito diverso).

Una lettura consigliata alle più romantiche, leggera e senza troppe pretese.


La mia valutazione:    CUORECUORECUORE


2 commenti:

  1. Sono perfettamente d'accordo con te: a mio parere il libro è stato gradevole, ma troppo prolisso! E avrei preferito un finale diverso!

    RispondiElimina