MAI PER AMORE di Penelope Douglas - Recensione

mercoledì 15 ottobre 2014

Oggi vi parlo di un libro che è riuscito a tenermi incollata ad ogni riga per arrivare al finale e che è riuscito ad emozionarmi nonostante qualche lacuna nelle motivazioni del comportamento del protagonista maschile, facilmente scusabile se si pensa all’età dei protagonisti.

MAI PER AMORE_thumb[2]Titolo: Mai per amore
  Voto
4 cuori_thumb[1]
Titolo originale: Bully
Serie: Fall Away – Volume 1/3
Autore: Penelope Douglas
Editore: Newton Compton
Genere:  Young/New Adult
Livello sensualità: Medio alto




Sinossi: Un tempo Jared e Tate erano grandi amici: sono cresciuti insieme, si sono arrampicati insieme sugli alberi, si sono aiutati a vicenda nei momenti difficili. Ora invece Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso, sempre pronto a offendere e deridere Tate di fronte a tutta la classe. A scuola le ha reso la vita un inferno, e Tate non sa più come difendersi. A volte invece è incredibilmente dolce con lei, e sembra volerla proteggere... Tate vorrebbe odiarlo eppure non ci riesce: sente che il suo vecchio amico è disperato e vorrebbe scoprire il motivo della sua rabbia: raggiungere il suo cuore e carpire il segreto che nasconde in fondo all'anima…


♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥
La mia opinione

Questo libro mi ha incantata per come è scritto, per l’argomento che tratta seppure senza giustamente approfondirlo in quanto romanzo, e per i due protagonisti così combattivi e caparbi.


Amando particolarmente le storie in cui i protagonisti hanno un rapporto conflittuale prima di ammettere i loro sentimenti mi sono subito avvicinata incuriosita dalla trama e non sono rimasta per niente delusa. Il rapporto tra Jared e Tate è intriso di odio, di odio vero da parte di entrambi e per motivi diversi.



L’autrice ci narra la storia dal punto di vista di Tate ed è quindi semplice entrare in sintonia con i sentimenti della ragazza, capire come la sua rabbia verso Jared abbia origine dalla loro passata amicizia ormai finita senza un’apparente ragione. Quando erano bambini trascorrevano tutto il tempo assieme e Jared è stato l’unico che le è stato accanto dopo la perdita della madre. Tate pensava Jared nutrisse per lei lo stesso affetto, che avesse la stessa importanza nella sua vita, quindi non si capacita di come lui possa continuare ad umiliarla davanti agli altri in ogni modo possibile, trattandola con un disprezzo tali da farla piangere più volte.


«Quando avevo dieci anni, mia madre morì. Aveva il cancro e l’ho persa prima ancora di conoscerla davvero. Mi sentivo insicura, avevo paura. Sei stato tu a far sì che le cose tornassero a posto. Grazie a te, sono diventata una persona libera e coraggiosa. È come se la parte di me che era morta insieme a mia madre fosse tornata a vivere quando ti ho incontrato. Avevo smesso di soffrire. Niente poteva abbattermi se sapevo di avere te».


Tate vive il periodo della scuola con un senso quotidiano di angoscia e paura per ciò che potrebbe accaderle, la sua unica speranza è riposta in un viaggio che la allontanerà da tutto questo per un anno. E’ durante quest’anno di lontananza che Tate ha finalmente la possibilità di essere sé stessa: una ragazza solare, piena di vita, che ama stare con gli altri, coraggiosa e forte, indipendente. Al suo ritorno Jared avrà modo di constatare che non si ritrova più davanti una vittima, ma una ragazza che ha tutta l’intenzione di non essere più oggetto dei suoi soprusi o di quelli dei suoi amici e che reagirà con ogni mezzo.

Jared ha trasformato l’affetto che provava per Tate in odio, odio vero. E’ un ragazzo che si è trovato a vivere una tremenda esperienza di vita, con la madre alcolizzata e il padre violento. E’ cresciuto in fretta, è indipendente e sicuro di sé, il classico bad-boy.E’ proprio questo suo passato, di cui Tate è per la maggior parte all’oscuro che lo ha fatto allontanare da lei. La paura che questo passato sia un ostacolo e lo renda inadeguato per la ragazza che ama, lo convince a trasformare il suo amore in odio.  Purtroppo devo dire che le ragioni di Jared sono la pecca del libro, decisamente poco consistenti soprattutto se paragonate a quello che fa passare a Tate… Le ho potute giustificare solo pensando alla giovane età del protagonista e al fatto che il punto di vista di Jared non viene affrontato, lasciando quindi  gran parte delle sue emozioni inesplorate.

«Tate, quell'estate con mio padre è stata una merda.Quando sono tornato, non ero più lo stesso. Ero molto cambiato.Odiavo tutti.Ma tu... avevo ancora in un certo senso bisogno di te.Avevo bisogno che non mi dimenticassi».


Il ritorno di Tate e il suo nuovo modo di comportarsi, la sua caparbietà nel non volere in fondo accettare di aver perso il suo amico di infanzia inizierà a scalfire finalmente la corazza di Jared, scalfendo l’odio e portando in superficie il suo amore per Tate. Un amore che lo rende un ragazzo straordinario, protettivo, appassionato,dolce: Jared ama Tate, l’ha sempre amata anche quando cercava di tenerla lontana da sé e nello stesso tempo non permetteva a nessun’ altro di avvicinarla.


"Fidanzata non è sufficiente a descrivere te, Tate. questo termine è banale. Non sei la mia fidanzata, la mia ragazza, o la mia donna. Tu sei. Solo. Mia.”


La protagonista femminile è veramente ben caratterizzata, ogni suo gesto ha una ragione, ogni suo sentimento ci arriva diretto. L’unica pecca secondo me è appunto il fatto che l’autrice abbia preferito narrare con il solo punto di vista della protagonista, lasciando in sospeso parecchi lati del carattere di Jared che probabilmente avrebbero aiutato il lettore ad comprenderne realmente i comportamenti.


Un libro da leggere, in cui si affrontano temi come il bullismo e il bullismo informatico. Una storia d’amore e di amicizia passionale e intensa.

♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

La serie FALL AWAY è così composta:
Mai per amore [Bully] #1- Newton Compton [Jared e Tate]
Until You #1,5 - Inedito in Italia [POV di Jared]
Rival #2 - Inedito in Italia [Madoc e Fallon]
Falling Away #3 (pubblicazione inglese prevista per il 2015) [Jaxon e K.C.]

1 commento:

  1. mi è piaciuto molto la storia, anch'io ho dato un voto positivo e devo dire che mi è piaciuto anche l'altro libro dal punto di vista di Jared

    RispondiElimina