DONNA IN INCOGNITO di Gabrielle Costa - Recensione

domenica 12 giugno 2016

Seconda recensione di oggi per un self che mi ha incuriosito tantissimo dalla trama particolare e finalmente ho avuto il tempo per leggerlo. Ringrazio l’autrice per avermi fornito la copia per la recensione.

Donna in incognito

Titolo: Donna in incognito
Autore: Gabrielle Costa
Genere: Romance ironico contemporaneo
Editore: Self Publishing 
(FILEminimizer) Sinossi
Simon Prescott è un uomo giovane, bello e di successo, per raggiungere il quale è passato sopra i sentimenti delle persone che amava di più, prima di rendersi conto di quanto la propria vita stava andando alla deriva. Simon è cambiato da allora, ha ridimensionato se stesso e la sua visione del mondo, ma una cosa è rimasta tale e quale: è convinto che le donne siano esseri inferiori e niente riesce a fargli cambiare idea.
Katherine Hannover è una donna giovane, bella e convinta delle proprie capacità. Non sopporta le ingiustizie ed è pronta a fare qualunque cosa per affermare se stessa, compreso sfidare l’uomo che si frappone tra lei e la realizzazione professionale a cui ambisce. Per questo orchestra una “truffa” ai danni di Simon, fingendosi un uomo per farsi assumere da lui e dimostrargli che non è necessario essere portatori di pene per svolgere il suo stesso lavoro.
Tra crisi di identità sessuale, coincidenze improbabili e situazione al limite del surreale, Simon e Kate capiranno che le certezze crollano e i piani possono cambiare.

(FILEminimizer) Recensione

Cosa fareste se il fatto di essere donna vi tagliasse fuori dal lavoro che avete sempre sognato per colpa di un capo dalle vedute ristrette e retrogade? Avreste il coraggio di inventarvi una nuova identità per sbattere in faccia al suddetto capo quanto una donna possa essere al pari degli uomini?

La protagonista di questa storia non ha alcun dubbio; lei, una ragazza molto femminile e bella non si farà fermare da niente e nessuno per umiliare l’arrogante imprenditore che nella sua azienda non ammette donne. La decisione è presa, Katherine diventerà Alexander, otterrà quel lavoro e dimostrerà a Simon Prescott che è un uomo arrogante e cinico…ma non ha certo pensato alle conseguenze…

Katherine è decisa, intraprendente, sicura di sé, anche un po’ matta e imprevedibile e ingenua al punto da non pensare alle conseguenze dei suoi gesti. Diventare Alexander è più difficile di quanto abbia pensato, ci sono molti dettagli da curare oltre all’aspetto maschile: tagliare i suoi magnifici capelli, vestirsi da uomo, modulare continuamente la voce, e poi le cose pratiche come usare il bagno degli uomini, ad esempio, e infine, ma non meno importante di tutte, non rimanere affascinate proprio dall’uomo contro il quale si sta facendo tutto questo.

Simon Prescott è giovane, bello, scapolo e un gran lavoratore al punto da aver passato un periodo in cui ha lasciato da parte anche la famiglia facendola soffrire. Ora ha capito i suoi errori ma per lui le donne rimangono solo una fonte di guai, sono volubili, capricciose e inferiori (tranne la madre e la sorella, ovviamente). Non si aspetta di certo che la sua vita venga sconvolta da un giovane impiegato dall’aspetto fragile e delicato che sembra scatenare il suo istinto di protezione e forse anche altri istinti ben diversi…

Come gestire un’attrazione verso un altro uomo per chi come Simon ha sempre creduto di essere attratto dalle donne? E se poi incontrasse una ragazza misteriosa che gli facesse perdere completamente la ragione e gli catturasse letteralmente il cuore ma non avesse modo di rintracciarla?
Da questo momento si crea una sorta di triangolo amoroso in cui sono coinvolti Simon, Alexander e Katherine. Molto divertente vedere le difficoltà del protagonista, con le sue convinzioni da macho tosto struggersi per un uomo e allo stesso tempo cercare di capire cosa stia accadendo realmente; ho riso parecchio per le situazioni ma anche per il rapporto con la sorella; tanto maschilista ma con sua sorella Simon è sempre in una situazione di difficoltà, infatti lei che ha intuito subito la realtà dei fatti si diverte a tenerlo all’oscuro e a stuzzicarne le perplessità, perché sa che l’amore che prova in realtà non è per due persone diverse e forse un piccolo bagno di umiltà non gli fa così male.

Le battute sono ironiche e tutta la trama è frizzante e originale. La scrittura molto scorrevole e il doppio punto di vista riescono a far comprendere meglio al lettore entrambi i punti di vista e ciò che accade nella mente dei protagonisti; si vivono con loro i dubbi, la nascita di un sentimento, gli equivoci, il loro tenersi testa e poi il cedere al sentimento.

L’amore che nasce è fatto di baci pieni di sentimento, attrazione, corteggiamento e una continua sfida che stuzzica e tiene alta la tensione. Le parti che ho preferito sono quelle dal punto di vista del protagonista maschile (e sai che novità!), ma davvero sono ben gestite e divertenti e ho particolarmente apprezzato di lasciare che sia proprio lui a gestire l’epilogo.

I protagonisti hanno i loro caratteri e i miei preferiti sono sicuramente Simon per la sua confusione e in fondo per essere un bravo ragazzo anche se forse un po’ ottuso (ma si fa perdonare), e la sorella di Simon per la sua schiettezza e il suo essere bonariamente perfida nei confronti del fratello. Katherine ha molti aspetti che ho apprezzato, come la sua tenacia nel cercare di ottenere i suoi diritti, un po’ meno il fatto che non si renda conto delle conseguenze che potrebbero esserci non tanto per lei quanto per le persone che incrociano la sua vita e ne entrano a far parte quando non è “lei”, in questo caso mi ha fatto pensare che forse Simon non abbia completamente torto a pensare che le donne portino guai…

L’unica osservazione che mi sento di fare riguarda non tanto l’epilogo quanto la parte che lo precede e inizia subito dopo la risoluzione del mistero Katherine/Alexander e la nascita dell’amore tra i protagonisti; in questo caso ho avuto la sensazione che alcune situazioni si sarebbero potute saltare, qui il romanzo perde un po’ della sua verve anche se capisco fosse necessario inserirla per fare in modo che la protagonista potesse risolvere i “guai” combinati.

A parte questo la lettura è stata molto piacevole, fuori dalle righe e insolita. Lo consiglio assolutamente a chi ha voglia di leggerezza e romanticismo, senza rinunciare a qualche frecciatina verso “l’intelligenza” maschile XD.


Lascia un commento

1 commento:

  1. Grazie infinite per questa bellissima recensione. Grazie per il tempo che hai voluto dedicare alla lettura del mio primo tentativo di pubblicazione, sono felice che ti sia piaciuto.
    Patrizia/Gaabrielle <3

    RispondiElimina