INFINITO+1 di Amy Harmon - Recensione

sabato 20 febbraio 2016

Il blogtour si è concluso ieri con la mia intervista a Amy Harmon e oggi posso finalmente parlarvi del libro! Come tutti i lavori di questa autrice mi è entrato nel cuore, due personaggi unici e una storia appassionante.

infinito-1_7380_
Titolo: Infinito +1
Autore: Amy Harmon
Genere: New Adult
 Editore: Newton Compton
Sinossi:
Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca, bellissima e famosa. E desidera morire. Finn Clyde è un signor nessuno. È brillante e cinico. Ma è completamente a pezzi. E tutto ciò che vuole è la possibilità di vivere ancora. Finn ha un passato con cui confrontarsi, Bonnie un futuro che non vuole affrontare. Un ragazzo, una ragazza, una strana serie di circostanze impreviste e una scelta: voltarsi dall’altra parte e ignorare ogni cosa o tendere la mano e rischiare tutto. Così, mentre il ticchettio di un orologio scandisce il tempo della scelta, inizia la loro avventura, un viaggio che cambierà per sempre le loro vite. Infinito + 1 è un romanzo romantico e struggente sulle infinite possibilità dell’amore, l’ultimo della ormai consacrata e amatissima autrice Amy Harmon.



Recensione

« Quanto fa infinito più uno? Dopotutto non fa infinito. Non fa nemmeno due. Fa uno. Tu e io? Siamo due metà di un intero. Siamo uno.»

Un libro in grado di trascinarti on the road con toccante dolcezza, facendoti assistere all'amore inaspettato tra due persone in apparenza totalmente diverse eppure talmente simili da trovare l'uno nell'altra la propria metà mancante.

«Non siamo così diversi, Finn e io. Le prigioni possono avere un sacco di colori e forme. Alcune sono dorate, altre hanno una porta che sbatte. Ma anche le manette d'oro sono manette.»

Ognuno ha la propria storia, i propri dolori e battaglie da combattere con se stesso. Non importa quanto la nostra vita possa sembrare fantastica all'esterno, come dice la stessa autrice non dovremmo esprimere giudizi sulle persone che incontriamo, perché la nostra è un'impressione superficiale, ciò che una persona nasconde nella propria anima non è visibile all'esterno e spesso si cela dietro la facciata di una vita agiata e felice.

«Forse ho smesso di cercare la realtà, ora che ho trovato l'infinito»

Bonnie Rae Shelby sembra avere tutto, è una cantante acclamata di musica country, i suoi concerti sono sold out, ha orde di fan, denaro e possibilità. Ma Bonnie si porta dentro un dolore che spazza via tutto, qualcosa di molto più importante di successo e denaro, qualcosa che la dilania e l'ha spezzata a metà. Bonnie è stanca della vita, ma soprattutto è stanca di "quella" vita; una vita fatta di superficialità, in cui l'amore e le persone importanti sembrano dover venire sempre al secondo posto, in cui non si ha il reale controllo della propria esistenza, dove sembra di essere solo una macchina per fare soldi a costo di veder calpestata la propria anima e i propri sentimenti.
È per questo che, quando un giovane sconosciuto la salva da un gesto disperato inizia a pensare di poter cercare qualcosa di reale, lasciandosi alle spalle la vecchia Bonnie, senza più pesi, obblighi e libera da tutto e da tutti: può gioire, soffrire, amare senza che nessuno interferisca, la sua vita è completamente frutto delle sue decisioni.

«Credo nei numeri. Quelli che puoi vedere e quelli che non si vedono. Reali e immaginari, razionali e irrazionali, e ogni punto sulla linea che va verso l'infinito. I numeri non mi hanno mai deluso. Non ingannano. Non mentono. Non pretendono di essere quello che non sono. Sono senza tempo.»

Infinity "Finn"  Clyde sta scappando dal suo passato, vuole ricominciare a vivere lontano dal senso di colpa e dal vuoto che sente. Ha fatto scelte sbagliate e ha pagato, non solo con la libertà ma anche perdendo un pezzo di se stesso. Finn è un genio della matematica, per lui i numeri non hanno segreti e sono i suoi compagni di vita, spesso l'hanno salvato, altre volte lo hanno messo in situazioni complicate. Gli errori commessi li porta dentro di sé e sulla pelle, a ricordargli ciò che è stato e ciò da cui vuole allontanarsi. Ma il suo passato è come un marchio che si imprime a fuoco e aspetta solo di tornare a tormentarlo.

«Noi siamo Bonnie e Clyde! Ricercati e non desiderati. Ingabbiati e intrappolati. Siamo persi e siamo soli. Siamo un disastro inestricabile e infinito. Siamo uno sparo nel buio. Siamo due persone che non hanno un posto al mondo, e nessun altro al mondo, eppure all'improvviso a me sembra che questo basti!»

Cosa può accadere se un ragazzo che ha perso tutto e spera in un nuovo avvenire incontra una ragazza che ha tutto ma vorrebbe morire? Due modi opposti di affrontare lo stesso dolore, una fuga che ha due sapori diversi ma lo stesso obiettivo: tornare a sentirsi "uno".

"Quanto fa infinito più uno?" - mi intromisi per fermarla rivolgendo la domanda direttamente a  Finn.
"Fa sempre infinito", sospirò Finn
"Sbagliato. Fa due."
"Oh davvero? E come fai a calcolarlo?"
Puntai il dito verso Finn e dissi,"Infinito". Poi segnai me stessa e dissi, "Più uno. Fa due, genio."
"Vorrei davvero non averti detto come mi chiamo."

Un susseguirsi di congetture e pregiudizi fanno da sfondo al viaggio di questi due ragazzi;  una settimana in cui conoscersi, condividere i propri tormenti, sentirsi vicini e scoprirsi inaspettatamente innamorati. Perché l'amore non conosce barriere, non lascia spazio alle paure e si manifesta senza preavviso anche nelle situazioni più inaspettate. Forse è destino, o forse un aiuto dall'alto...

Il sentimento che li unisce sarà abbastanza forte da superare la fine del viaggio?  Finn riuscirà a spazzare via il timore di precipitare di nuovo nel passato? E Bonnie riuscirà a comprendere quanto la vita sia sempre importante e valga la pena viverla? 

Amy Harmon ha uno stile inconfondibile. In tutti i suoi libri riesce a trasmettere dolcezza e passione, tormento e speranza allo stesso tempo e lo fa senza bisogno di inserire stereotipi o utilizzare gli schemi collaudati di altri romanzi New Adult. I personaggi che crea sono talmente vivi e reali che il lettore non può non sentirsi partecipe. Anche in questo caso ha fatto centro con un racconto struggente e romantico.

Ho amato poter leggere gli avvenimenti da due punti di vista, capire come ogni momento vissuto fosse per i protagonisti fonte di terremoti emotivi. L'autrice riesce a trasmettere tutta la profondità di un sentimento che non è fatto solo di attrazione, ma di coinvolgimento, complicità, comprensione, fiducia, attimi di leggerezza e condivisione, in una parola "amore". 

Musica e matematica sono l'altra coppia indiscussa del romanzo. Due passioni contrapposte che possono unirsi e creare qualcosa di unico. Due realtà , due modi di vivere. Se la musica è una mia passione e quindi non potevo fare altro che amarne la presenza, la Harmon è riuscita a far diventare la matematica qualcosa di magico. Note e paradossi, calcoli e poesie trascinano il lettore e lo affascinano.

Due Bonnie e Clyde moderni che non hanno bisogno di infrangere la legge per lasciare un segno del loro passaggio. Un romanzo struggente e delicato, coinvolgente e appassionato, pura poesia di emozioni.


6 commenti:

  1. Due anime che cercano la propria strada e viaggiando la trovano...non mi resta che leggerlo.

    RispondiElimina
  2. Bello, bello, bello! Condivido tutto! <3

    RispondiElimina
  3. Lo devo leggere a giorni, davvero un bel libro si prospetta

    RispondiElimina
  4. Sembra interessante e ricco di stimoli vari ^_^

    RispondiElimina
  5. Amando la Harmon non vedo l'ora di leggerlo =)

    RispondiElimina