Segnalazione: SOLO UNA STORIA D'AMORE E DI TROPPE PATURNIE di Momi Gatto

sabato 16 maggio 2015

Con questo post vi segnalo un romanzo che, come dice la stessa autrice è adatto a tutte le età. Sembra parlare di una storia d'amore tra due giovani ragazzi, alle prese con la potenza dei sentimenti e i cambiamenti della vita che a quella età possono spiazzare e dovranno imparare a gestire.

SOLO UNA STORIA D'AMORE E DI TROPPE PATURNIE

Titolo: Solo una storia d'amore e di troppe paturnie
Autore: Momi Gatto
Serie: La trilogia delle paturnie -vol. #1
Editore: Self Publishing
Genere: Romance
Pagine: 540
Formato: ebook 
Prezzo: € 1,99
Data pubblicazione: 18 settembre 2014
Sinossi
Giulia e Davide, due ventenni di Milano, così genuini eppure a modo loro tanto complicati, aprono e chiudono questo romanzo fresco e ironico che li vede unici protagonisti. Il loro è un rapporto insolito fin dal primo sguardo, così intenso e assuefacente da spaventarli. Lo sconosciuto senso di irrinunciabilità che sentono l’una per l’altro, e la conseguente paura di perdersi, li spingono a nascondere, agli altri e soprattutto a loro stessi, quale sia il vero sentimento che li unisce. Solo il precipitare repentino delle cose, e l’immancabile batosta, li costringeranno ad aprire gli occhi. Impossibile non affezionarsi a questi due ragazzi e non immedesimarsi con i loro cervellotici ragionamenti, attraverso i quali tutti noi siamo passati almeno una volta nella vita.


ESTRATTO

“Porca miseria che macchina! Una Bmw Z4 Roadster nera, talmente lucida e perfetta che potrebbe benissimo essere uscita dal concessionario solo poche ore fa. Il sogno di mio fratello, se lo scopre gli si appiccica come una mosca sul miele. Io, invece, non gli darò la soddisfazione di ammettere che ha una macchina strepitosa. 

“Sborone”, tossisco facendolo ridacchiare. 

Certo, alto com’è lo vedrei meglio su un SUV, faccio fatica io a salirci tanto è sportivo l’assetto. Scivolo sul sedile di pelle, nera, e mi ritrovo quasi sdraiata, sicuramente l’ultima a sedersi qui è stata la stangona bionda. Il paragone mentale m’innervosisce quindi, appena lui si concentra sulla guida, mi metto a cercare la leva per tirare avanti il sedile. Ma dov’è?

“Permetti?” . Senza distogliere gli occhi dalla strada, mi appoggia il braccio sulle gambe e infila la mano alla destra dei miei piedi dove trova, comodo comodo, la suddetta leva. 

Quel breve e innocuo contatto mi procura una scossa elettrica lungo tutto il corpo che mi fa trasecolare. Dura un istante, perché il sedile scatta in avanti strappandomi un urletto stridulo, e facendo sghignazzare ancora Davide. 

“Divertente” , bofonchio sarcastica. 

“Trovo che tu sia divertente”.


L'AUTRICE

Monica Gatto, affettuosamente chiamata da tutti Momi grazie a un nomignolo affibbiatole in tenera età dal fratello. È una quarantacinquenne milanese doc, diplomata al liceo artistico ha poi lavorato per un lungo periodo come grafica pubblicitaria. Ora collabora col marito e fa la mamma di Davide... adolescente, chitarrista e pallanuotista. È un'amante della lettura, negli anni le sue preferenze hanno spaziato dai classici agli horror, dai gialli ai fantasy, ma solo quando è approdata ai romanzi rosa ha scoperto il piacere della scrittura. Il desiderio di creare da se' i personaggi dei quali innamorarsi, la smania di mettere su carta una storia che non si stufa mai di rileggere, la curiosità di scoprire le opinioni di altri, hanno dato vita al suo primo libro. 

Un romanzo adatto a tutte le età, alle donne mature che vogliono rivivere i primi batticuori, alle giovanissime che li stanno vivendo, e ai ragazzi che li provocano. Non sempre serve sorprendere chi legge con colpi di scena fantasiosi. 

"Da un libro io voglio sentirmi coinvolta, voglio sorridere, voglio aggrottare la fronte e voglio affezionarmi ai protagonisti, e tutto questo può succedere solo se la loro storia può essere anche la mia" 


Nessun commento:

Posta un commento