LONTANO DA TE di Jennifer L.Armentrout | Recensione

martedì 9 maggio 2017

Lontano da te recensione
Eccomi qui con il secondo romanzo della Armentrout di cui voglio parlarvi oggi. Nuova serie paranormal romance, questa volta new adult in cui ho ritrovato molti elementi che lo avvicinano alla serie Aspettando Te, anche se in chiave fantasy.


Dopo averci conquistate con gli alieni, i gargoyle e i demoni, questa volta l’autrice scomoda il mondo dei Fae e dei membri dell’Ordine addestrati per ucciderli e salvare l’umanità dalla loro minaccia. Avrà fatto di nuovo centro?

Lontano da teTitolo: Lontano da te
Serie: A Wicked Saga #1
Autore: Jennifer L.Armentrout
Genere: Paranormal romance
Editore: Nord
Pagine: 348
Sinossi222[2]

Ivy Morgan è una sopravvissuta. Rimasta orfana a diciotto anni, ha imparato in fretta cosa significa doversela cavare da sola e, adesso, non permette agli altri di avvicinarsi a lei, di entrare nella sua vita. Anche perché non vuole rischiare che le facciano troppe domande su come trascorre il suo tempo. Nessuno infatti deve sapere che i genitori erano affiliati a un antichissimo Ordine segreto e che, con la loro morte, è toccato a lei ereditare la loro missione…



Ren Owens è l'ultima persona al mondo per cui Ivy dovrebbe provare interesse; è impulsivo, imprevedibile, ed è troppo arrogante perfino per essere un membro dell'Élite, la sezione dell'Ordine cui vengono affidate le operazioni più rischiose. Eppure è come se Ren l’avesse stregata. Quando guarda i suoi profondi occhi verdi, Ivy sente di volere un destino diverso da quello cui è condannata: sente di volere… lui. E, per la prima volta, ha l'impressione di potersi davvero fidare. Almeno finché non intuisce che Ren le nasconde qualcosa, un segreto che potrebbe distruggere tutto ciò per cui lei ha lottato…




RECENSIONE
Dimenticate le Fate come le  avete sempre immaginate, i Fae della Armentrout sono creature pericolose e potenti, capaci di risucchiarvi l’anima fino a rendervi loro schiavi inermi prima di uccidervi.

Ivy è membro di un’organizzazione che ha l’obiettivo di proteggere gli umani dando la caccia ai Fae: l’Ordine. Il passato di Ivy è scandito da dolore e perdite, per questo odia i Fae e per lo stesso motivo ha ben chiaro in testa di non lasciarsi avvicinare e coinvolgere da nessuno, affezionarsi significa solo soffrire. Ivy ha un carattere forte, è testarda e impulsiva, ha una lingua tagliente e non si lascia abbattere da ciò che le accade.

Ren arriva improvvisamente all’interno dell’Ordine di New Orleans e porta scompiglio soprattutto nella vita di Ivy. Affascinante, ironico, arrogante e misterioso, i suoi occhi verdi sono capaci di far tremare le barriere del cuore di Ivy. Ren è arrivato a New Orleans con il solo obiettivo di sconfiggere i Fae e catturare il mezzosangue potrebbe scatenare l’Apocalisse, ma si ritrova a fare i conti con l’attrazione e i sentimenti che nascono per Ivy.

Entrambi hanno perso molto nelle loro vite e hanno cercato di non legarsi, ma Ren sa che il lavoro che fanno non permette loro di pensare troppo al futuro, è il presente quello che conta e lui farà di tutto per avere un presente con Ivy. All’inizio il loro rapporto è teso, scandito da tensione mista a diffidenza che si esprime attraverso liti, frecciatine e avvicinamenti, creando un’atmosfera ironica e allo stesso tempo bollente.

Quando le barriere e le paure sembrano finalmente aver lasciato spazio al cuore, sullo sfondo di una New Orleans affascinante e misteriosa, mentre la caccia ai Fae continua sempre più serrata, tra azione e colpi di scena inaspettati la rivelazione finale rischia di distruggere per sempre il legame tra Ren e Ivy.

Come sempre la Armentrout mi cattura in ogni sua veste, che sia uno new adult puro, un paranormal new adult, young adult o adult. Questa autrice sa far vibrare il cuore, incatena alle pagine e crea dei book boyfriend che scatenano gli ormoni delle lettrici. Leggere un suo romanzo vuol dire aver messo in conto di passare alcune ore lontano da tutto, impedendo a chiunque di essere disturbati, perché una volta iniziato non è possibile attendere di conoscere la fine che la Armentrout si è inventata.

I paranormal della Armentrout sono una garanzia: emozione, divertimento, evasione, passione e trame ricche di colpi di scena con tanto di epiloghi da cardiopalma.  Lo stile è diretto e scorrevole, questa volta il romanzo è scritto in prima persona attraverso la voce della protagonista in modo da avvicinarla ulteriormente al lettore. I personaggi sono come sempre descritti in maniera scrupolosa nelle loro sfaccettature fisiche e caratteriali, i dialoghi frizzanti e il ritmo sostenuto. La parte romantica è un buon mix tra emozione e attrazione, scene d’amore passionali e leggermente hot che però non mancano di trasmettere i sentimenti dei personaggi.

Ren è un altro book boyfriend con i fiocchi, Ivy una protagonista tosta e ironica, ma c’è un altro personaggio che mi è entrato nel cuore…un piccolo folletto di nome Campanellino, dalla lingua lunga, la passione per Harry Potter e i Troll e affetto da un disturbo compulsivo da acquisti su Amazon. Campanellino è semplicemente fantastico, divertente, bizzarro e, molto probabilmente più importante nella storia di quanto all’inizio si possa immaginare.

Ancora indecisi se iniziare la serie? Il mio consiglio è: FATELO SUBITO!

Alla prossima lettura,
Deborah4[3][3]

Nessun commento:

Posta un commento