Segnalazione “Bugiardo per amore” di Federica Leva

venerdì 23 dicembre 2016

Fotorbugiardo4
Eccomi qui con una nuova segnalazione, questa volta si tratta di un romance in cui le bugie alimentano una storia d’amore e passione, ma che possono anche rischiare di spezzare un legame. Vi presento il nuovo romanzo di Federica Leva “Bugiardo per amore”.

«Con quella bugia le ha dato tutto, ma ha perso ogni cosa»


Titolo: Bugiardo per amore
Autore: Federica Leva
Genere: Romance contemporaneo (qualche scena hot)
Pagine: 382
Prezzo: 2,99
Link Amazon Sinossi
Quando Ginevra rimane incinta, suo marito non è felice. Mirco rivela presto d’essere infedele e violento, e cerca perfino di sbarazzarsi del piccolino. A complicare le cose, dalla Spagna arriva l'affascinante visconte Estefan, innamorato da sempre di Ginevra e che, per proteggerla, si finge interessato alla sua migliore amica. Ma le bugie, si sa, hanno vita breve. E questa sarà soltanto la prima di una serie di verità taciute che ingarbuglieranno le cose...
Fra momenti esilaranti, abominevoli ricatti e sorprendenti rivelazioni, vivrete una passione travolgente che cambierà la vita di tutti e che vi resterà nel cuore.
Estratto
Fotorugiardo14Il cuore di Ginevra sobbalzò. Fu come se un branco di cavalli impazziti scalciasse, lacerandole l’anima, per correre verso di lui. Estefan stava parlando con un uomo biondo e si era avvicinato al tavolo degli aperitivi per farsi servire un prosecco. Era vestito con disinvolta noncuranza, pantaloni in denim blu scuro e camicia bianca con il colletto alto, ricamato da motivi argentati. Un ciuffo ondulato gli ricadeva sulla fronte fino a sfiorargli gli occhi cupi. Era arrossato, forse aveva bevuto troppo o era accaldato. All’improvviso, Ginevra si accorse che l’aria era rovente, in quelle sale.
«Estefan!» chiamò ancora Regina. «Amore!»
Amore?
A quel richiamo, lui si voltò. La inchiodò con uno sguardo carico d’odio, ma un attimo dopo slittò su Ginevra e s’immobilizzò.
Fuoco.
Scintille che passavano fra loro, incendiando l’aria.
Una sola domanda che scoppiava, senza una risposta.
Perché?
La sala scomparve, la musica si azzittì. L’oscurità s’accartocciò attorno a ogni volto e ogni nome si disgregò, come se non fosse mai esistito. Ginevra si perse in Estefan, nei suoi occhi spalancati, colmi di gioia e di terrore insieme. Poteva quasi sentire la tensione di ogni suo muscolo, sospeso in un limbo che gli toglieva il fiato.
Vieni da me.
E lui si mosse, senza sganciare lo sguardo dal suo.
Era più magro, rispetto all’ultima volta che l’aveva incontrato e dal suo corpo emanava un’aura scura, rabbiosa. La vedeva davvero o la immaginava soltanto? Incatenato a lei, Estefan socchiuse le labbra, ma prima che parlasse, Regina lo trasse a sé.
«Non è splendido, il mio fidanzato?»
All’improvviso, intorno a Ginevra la sala ritornò a rumoreggiare con un fragore così assordante che anche il fruscio delle cascate la stordì, esplodendole nelle orecchie. Sbatté le palpebre e vide Regina stringersi al braccio di Estefan, sorridendo.
«Ma che sciocca, vi conoscete già!» chiocciò, scrutandola da sotto le lunghe ciglia bionde.
Fidanzato?
Estefan abbassò lo sguardo, colpevole. Ma i muscoli del collo erano gonfi e quelli delle braccia tendevano le maniche della camicia, e Ginevra notò che stava stringendo i pugni fino allo spasimo.
Rabbia, frustrazione, impotenza.

Fotorbugiardo15
 
Diapositiva1  
 
 
 
 
Autrice









Federica Leva. Medico, psicoterapeuta e scrittrice.
Ha all’attivo numerose partecipazioni a premi letterari fantasy e mainstream, con una trentina di premi con...seguiti e una dozzina di primi posti. Ha pubblicato diversi racconti fantasy e mainstream su fanzine e antologie di genere.
Bio completa e opere: http://federicaleva.altervista.org/curriculum-artistico/

Alla prossima,
Deb[5]

Nessun commento:

Posta un commento