Christmas is coming, bookworms! - “Natale a Puffin Island” di Sarah Morgan

mercoledì 7 dicembre 2016

7 dicembreLa casellina che andiamo ad aprire nel calendario di oggi nasconde…la mia recensione a un libro che mi è piaciuto tantissimo! Mi sono divertita e completamente innamorata del protagonista. Posso partire anch'io per passare il Natale a Puffin Island?

Natale a Puffin Island
Titolo: Natale a Puffin Island
Serie: Puffin Island #3
Autore: Sarah Morgan
Editore: HarperCollins Italia
Genere: Romance Contemporaneo

Sinossi
Skylar Tempest non riesce proprio a cogliere il leggendario fascino di Alec Hunter. Sì, lui sarà anche l'unico e solo Cacciatore di Relitti, star televisiva di un programma che manda in visibilio milioni di spettatrici, ma per lei non ha mai una parola carina. Con lei è sempre cinico e la considera la classica bionda senza cervello ad alto livello di mantenimento. Così quando, per una serie di sfortunati eventi, a Sky si prospetta l'ipotesi di trascorrere i giorni prima di Natale insieme ad Alec e alla sua famiglia, non fa certo i salti di gioia. E lui non è da meno. Ha già avuto la sua dose di esperienze con donne simili. Una l'ha anche sposata e ne sta ancora pagando le conseguenze... e gli alimenti. Ma Natale è pur sempre un periodo magico, così come lo è Londra sotto la neve e la fiabesca campagna inglese. Soltanto però quando entrambi sono di nuovo a Puffin Island cominciano a capire di essersi mal giudicati. Forse non sono pronti a cominciare una storia d'amore, ma di certo un piccolo flirt sensuale e avventuroso non può fare male. O no?
Recensione
Natale a Puffin Island foto
«Le cose più importanti nella vita delle persone - pensò con nostalgia - non si potevano incartare»

Famiglia e amore, sono questi i due elementi chiave di questo romanzo che cattura il cuore ed emoziona. Famiglia intesa come nucleo di persone che si vuole bene, che si supporta in ogni situazione e che accetta i suoi membri e li sprona a dare il meglio di sé. Amore che se è destinato alla persona giusta riesce a far stare bene, a sentirsi completi come due metà distinte e indipendenti che hanno scelto di tenersi per mano e camminare assieme.

Skylar è una donna creativa, entusiasta della vita, attenta a ogni dettaglio che la circonda, interessata al prossimo, testarda e sognatrice. Ma è anche concreta e perseverante, con un sogno che sta realizzando solo con le sue forze e che porta avanti nonostante l'avversione e i tentativi di sminuirla dei suoi genitori. Skylar è cresciuta in un ambiente fatto di apparenza e privo di sostanza, in cui avrebbe dovuto fare scelte già previste dalla famiglia alle quali lei invece si è opposta per realizzare il suo obiettivo di creare gioielli. Skylar è una grande artista, tutto ciò che la circonda nella sua mente si trasforma in un'opera da creare e la sua realizzazione è assolutamente perfetta. Purtroppo quel non essere accettata dai suoi genitori la fa soffrire più di quello che lei stessa voglia ammettere e, anche se va avanti per la sua strada sul lavoro, per quanto riguarda la vita privata cerca di sopperire compiacendo i suoi genitori con un fidanzato che loro ritengono adatto. Ma non pensate che sia sottomessa, in realtà è molto più forte e indipendente di quanto lei stessa si renda conto.

Alec è un solitario, cinico e indurito da un matrimonio fallito che lo ha fatto soffrire. Pieno di pregiudizi, soprattutto nei confronti delle donne che gli ricordano la moglie, bellissime, sofisticate ma a suo dire senza sostanza. Alec non vuole più saperne di donare il suo cuore, preferisce vivere isolato, tra i viaggi avventurosi alla scoperta di relitti in tutto il mondo e la sua baita un po' fuori mano a Puffin Island. 

«Per conoscere una persona non basta passarci del tempo assieme. Lui deve lasciarti entrare»

Alec e Skylar non si sopportano, ogni volta che si incontrano nel gruppo di comuni amici sanno solo punzecchiarsi e offendersi. Alec la considera frivola, Skylar un uomo irritante e pieno di sé. Quando Skylar si trova in una situazione difficile però, la persona che le sta accanto, seppur involontariamente è proprio Alec, l'unico che non avrebbe mai desiderato l'aiutasse. Conoscersi, conoscersi realmente è un percorso difficile, soprattutto quando entrambi cercano di tenere testa alle loro insicurezze e alle loro paure, ma passare del tempo assieme può essere un buon motivo per iniziare quel percorso.  

«La vita è una grande avventura, a volte difficile, ma sempre affascinante, ed è importante scegliere con cura il nostro compagno di viaggio. Deve essere uno felice di festeggiare con te i momenti belli e pronto a raccoglierti da terra quando cadi»

Alec capisce che dietro l'apparenza in Skylar si nasconde una donna che soffre per non riuscire a rendere fiera proprio chi dovrebbe più sostenerla, ma anche con una grandissima tenacia e la capacità di portare avanti il suo desiderio senza intromissioni. Skylar è generosa, alla mano, con un sorriso capace di illuminare la stanza in cui si trova, di una bellezza abbagliante che non ostenta affatto. 
Skylar si rende presto conto che l'umorale Alec non è affatto quell'uomo distaccato che vuole apparire, ha semplicemente chiuso il suo cuore perché pensa di non essere in grado di rendere felice una compagna, perché ama la sua indipendenza, i suoi momenti di solitudine e i suoi viaggi e avere qualcuno accanto per lui significherebbe dover fare rinunce e compromessi per portare avanti la relazione. Dietro la facciata, incredibilmente sexy peraltro, è un uomo calmo, efficiente, gentile, protettivo e rispettabile.

«L'amore è sincero e generoso. Non conosce egoismo e non pretende nulla [...] È una tazza di tè bollente a letto in una giornata fredda, un massaggio ai piedi quando hai camminato per ore, un orecchio capace di ascoltare e una parola di incoraggiamento in un momento di difficoltà. È aperto , accogliente, tollerante, non cerca di cambiarti. È dare, non pretendere. È azione, non parole»

Sarà Skylar la donna che può far capire ad Alec quanto l'amore sia fatto di accettazione e piccoli gesti, di sostanza e non  apparenza? Alec si dimostra in grado di supportare Skylar e incoraggiarla nell'ultimo passo verso la sua totale indipendenza dal giudizio famigliare, ma capirà di essere l'uomo in grado di renderla felice?

Quella scritta dalla Morgan è una storia che mi ha colpito ed emozionato in molti modi. I protagonisti, i loro battibecchi, la passione che nasce ma accompagnata dalla conoscenza, dal "vero" rispetto reciproco divertono ma fanno anche riflettere e sognare un sentimento di questo tipo. Mi sono sentita particolarmente vicina alle caratteristiche della protagonista e al suo modo di vedere l'amore, nell' avere bisogno dei suoi spazi, nel suo isolarsi ma allo stesso tempo desiderare di avere qualcuno accanto che la accetti anche in questi momenti. Cosa dire di Alec. Vi innamorerete di lui non solo perché è tremendamente affascinante, ma soprattutto per il suo essere allo stesso tempo un porto sicuro, un'avventura continua e una passione travolgente. 

I personaggi secondari sono ben descritti e approfonditi, adorerete la famiglia di Alec per l'amore incondizionato che sono in grado di donare e per la loro genuina spontaneità. Scoprirete il vero significato della parola amicizia grazie alla "seconda famiglia" dei due protagonisti, coppie che abbiamo già incontrato nei due precedenti volumi e che qui ritroviamo e di cui scopriamo qualche nuovo dettaglio.

L'autrice usa una narrazione in terza persona con punti di vista alternati e permette al lettore di conoscere i pensieri di entrambi i protagonisti, di entrare in empatia con loro. Momenti di passione e di tenerezza conditi di dialoghi frizzanti, capaci di tenere alto il ritmo della lettura che scivola veloce verso un epilogo romantico ma non in modo tradizionale e che io personalmente ho trovato perfetto. 

Per le lettrici che amano le storie d'amore profonde e concrete, ma anche romantiche e passionali questo è un libro che sotto l'albero non può assolutamente mancare!

Alla prossima,
Deborah firma

9 commenti:

  1. Io amo la Morgan ♡
    Ho questo libro in WishList da prima che uscisse e deve essere mio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosy prendilo perché è una lettura fantastica in questo periodo!

      Elimina
  2. Io adoro questa autrice. ... è bravissima a descrivere i sentimenti!

    RispondiElimina
  3. Grazie Debora per questa tua recensione! ;-) Adocchio questo libro da quando è uscito, ma mi son sempre detta che l'avrei letto in periodo Natalizio, per sentire più vivide le emozioni leggendole... direi che manca poco!! ;-) ♥
    Ecco, non sapevo che il punto di vista nella narrazione si alternasse tra i 2 protagonisti, ed è una cosa che anch'io come te Deb, apprezzo molto nei libri, perché ti fa capire in modo più approfondito il reale carattere dei personaggi =) Grazie per avercelo detto! ;-) ♥

    RispondiElimina
  4. mai letto nulla della Morgan ma mi ispira molto dato che tutti ne parlano bene!

    RispondiElimina
  5. Adoro la Morgan! Lo leggerò presto anche questo libro!

    RispondiElimina
  6. di questo invece ho letto davvero tutte belle recensioni la cover mi piace da matti e ci sto facendo un pensiero

    RispondiElimina
  7. Non ho letto nessun libro di lei..anzi il suo nome l'ho sentito per la prima volta grazie a questo libro..mi piacerebbe cominciare da questo :-)

    RispondiElimina