QUINDICI MINUTI di Jill Cooper - Recensione

martedì 22 marzo 2016

In questo fine settimana ho viaggiato un po’ tra dimensioni e tempo. Se ieri vi ho parlato di Firebird e delle avventure della protagonista tra realtà parallele, oggi è il momento di seguire un’altra protagonista molto tosta nei sui viaggi nel tempo.


quindiciminutikindle
Titolo: Quindici Minuti
Serie: The Rewind Agency
Autore: Jill Cooper
Editore: Dunwich
Genere: Young Adult / Distopico

(FILEminimizer) Sinossi
Quindici minuti. È tutto ciò che la Rewind concede a una persona quando viaggia nel passato, ma per Lara Crane è abbastanza per trovare sua madre e impedirne l’assassinio nel corso di una rapina avvenuta dieci anni prima. Ma la storia che le è stata raccontata per tutta la vita è una menzogna. Quando Lara viene colpita dal proiettile che avrebbe dovuto uccidere sua madre, il suo futuro cambia per sempre: nuova casa, nuovi amici e nuovo ragazzo. E ora suo padre è in prigione. In una linea temporale che non riesce a comprendere, Lara sta per commettere un errore fatale e dovrà confrontarsi con un avversario che conosce molto bene… perché fa parte della sua famiglia.
(FILEminimizer) Recensione

«Ogni volta che torni a un momento specifico, questo diventa off limits. Viaggi frequenti nello stesso momento e nello stesso luogo provocano un solco nello spazio. Se fallisco, se non ci riesco, mia madre resterà morta per sempre.»

Avere la possibilità di viaggiare nel tempo e poter tornare al passato per evitare un certo avvenimento, modificare una scelta può portare a conseguenze inimmaginabili.

È questo che accade a Lara Crane, una ragazza a cui l’unica cosa che manca per essere felice e avere la vita desiderata è la madre, morta in una sparatoria quando lei aveva cinque anni. Ciò di cui Lara non ha tenuto conto sono i cambiamenti così imprevedibili che un’azione del genere scatena nella sua vita. Ora si trova ad affrontare ciò che ha fatto e cercare di sistemare le cose. Ma Lara non è la solita protagonista che aspetta di essere salvata o che accada qualcosa di esterno per agire, nonostante la sua impulsività le abbia fatto compiere una scelta sbagliate è capace di affrontarne le responsabilità e, anche se dentro di lei il dolore per ciò che ha perso e le delusioni per ciò che ha ritrovato sono forti, lei è coraggiosa, caparbia, completamente fiduciosa di poter risolvere le cose al punto da riuscire a svelare i complotti e le mire che stanno dietro all’agenzia dei viaggi nel tempo, la Rewind.

I personaggi che attorniano la protagonista fanno tutti parte della sua vita e, nel bene e nel male sono costretti a subire gli effetti della decisione di Lara anche nelle loro vite. La madre che Lara ritrova non è la stessa che ricordava, ha dei segreti che non avrebbe dovuto scoprire. Il padre che ama ora si ritrova responsabile di qualcosa che Lara sa non essere possibile. Il ragazzo che amava sembra non riconoscerla, mentre accanto a lei ora c’è l’unica persona che non si sarebbe mai aspettata, Donovan, dolce, attento e profondamente innamorato.

Amori perduti, sentimenti che nascono, complotti, verità inaspettate, colpi di scena e un intreccio che sembra un non arrivare a una fine e, quando arriva il suo epilogo di nuovo si riannoda.

Riuscirà Lana a ricomporre i pezzi della sua vecchia vita e salvare le persone che ama?

L’autrice mantiene un ritmo narrativo alto, i cambi temporali a cui ci pone di fronte non sono confusi e il fatto di usare la “voce” della protagonista per raccontare la storia rende partecipe il lettore che si appassiona e la accompagna in questa ricerca della verità dietro le apparenze, sperando in un lieto fine. La parte romantica è presente ma un po’ sullo sfondo, se dovessi trovarne un difetto direi che forse i sentimenti della protagonista virano un po’ troppo facilmente. Dei personaggi, a parte la protagonista ben delineata, la Cooper non svela ogni sfaccettatura e questo mantiene aperte varie possibilità e soluzioni.

Per quanto riguarda la trama è interessante, alcune cose vengono rivelate ma in realtà l’epilogo rimette in gioco tutto e questo crea aspettativa per il seguito e lascia aperte le porte a diverse supposizioni. Alcuni particolari non li ho ancora ben chiari, ma credo che sia una scelta voluta e che molte cose si scopriranno nel secondo volume della trilogia.

Una lettura avvincente con una protagonista in gamba che viene naturale seguire a affiancare nei suoi tentativi di aggiustare le cose.




2 commenti: