CREDIMI STO MENTENDO di Mary Elizabeth Summer - Recensione

giovedì 31 marzo 2016

Terminiamo il mese di marzo con la recensione per il Domino Letterario. Come già saprete alcuni blog seguendo l’ordine di estrazione scelgono letture che si aggancino per qualche ragione a quelle scelte da chi li precede e così via fino ad andare a completare le tessere del domino.

Questa volta mi sono agganciata a Jessica che ha letto “Miss Charity” perché l’autrice si chiama Maria (anche se in lingue diverse) e ha il doppio nome. Dopo di me troverete la recensione Annalisa.

Credimi sto mentendo

Titolo: Credimi sto mentendo
Autore: Mary Elizabeth Summer
Serie: Trust Me #1
Genere: Thriller, Young Adult
Edizione: Newton Compton

(FILEminimizer) Sinossi
Julep Dupree dice un sacco di bugie e conosce bene l’arte del raggiro. Suo padre, anche lui un esperto truffatore, l’ha mandata all’esclusivo St Agatha High, a Chicago, proprio per farla socializzare con i figli dell’alta società. E Julep non perde tempo: riesce perfino a guadagnare un po’ di soldi organizzando piccole truffe per far ottenere ai suoi compagni di classe il massimo dei voti. Il suo obiettivo è riuscire ad arrivare fino alla prestigiosa università di Yale. Ma quando un giorno torna a casa, ad attenderla c’è una brutta sorpresa: l’appartamento è stato svaligiato e suo padre è scomparso. Con l’aiuto del suo migliore amico, Sam, e del ragazzo più ambito della scuola, Tyler, Julep cercherà di seguire le tracce che l’uomo ha lasciato dietro di sé: e non sarà facile tra criminali che le danno la caccia e torbidi segreti di famiglia. Ora per lei non c’è più tempo da perdere, è giunto il momento di mettere in pratica tutti i trucchi che il padre le ha insegnato.

(FILEminimizer) Recensione

«Voglio essere una persona vera. Voglio essere me. So che suona strano, ma non so quale sia la mia vera me. Quando puoi essere chiunque, diventi nessuno. Capisci?»

Quando si ha un talento nel truffare gli altri è facile sfruttarlo per i propri interessi, ma a volte si deve essere particolarmente attenti, la propria strada potrebbe incrociare  truffatori molto più pericolosi… 

Julep è una ragazza particolare, sicuramente non una che segue balli scolastici e frivolezze come tutte le ragazze della sua età. La sua vita è stata difficile, con un padre che ha fatto dell’arte della truffa e del travestimento il suo lavoro, tra l’altro che non li fa vivere ugualmente nell’agio, visto che lo stesso sperpera nelle scommesse clandestine. Julep è dovuta crescere in fretta, la madre se ne è andata senza lasciare traccia e il padre, nonostante le voglia molto bene, vede per lei la sua stessa carriera. Julep è in conflitto con se stessa: se da un lato è un’ottima truffatrice, al punto da avere dei veri e propri “clienti” che la pagano per il suo aiuto nelle situazioni più varie, dall’altro vorrebbe avere una vita normale, capire la sua strada e percorrerla, studiare. Purtroppo per Julep il padre sembra essersi immischiato con persone molto pericolose e, quando scompare per lei è un altro colpo dopo quello della madre. Con il pericolo di essere scoperta dai servizi sociali e perdere la sua vita, l’unica cosa che può fare è cercare il padre, facendosi aiutare dal suo migliore amico Sam. Sam è fedele, leale, dimostra anche un grande coraggio e i suoi sentimenti per Julep sono forti, più profondi di quanto lei stessa abbia capito. Julep (il cui vero nome non è dato sapere) seppure giovanissima è molto indipendente, coraggiosa, a volte fredda e imperturbabile, anche se alla fine il suo è un cuore buono e altruista, a modo suo.


«Nessun travestimento è più infallibile di quello in cui il tuo bersaglio vuole credere»

Ciò che capita durante la ricerca del padre è un crescendo di avvenimenti che hanno risvolti tragici, scanditi da colpi di scena e sentimenti intricati. Julep si troverà davanti a tradimenti inaspettati e allontanamenti dolorosi, ma questo non la scoraggia, è talmente temeraria da superare qualsiasi cosa, nonostante le sofferenze lei va avanti e non esita a rischiare la sua stessa vita.

L’autrice riesce a tessere una trama degno di un bel poliziesco, in cui chi dice di essere qualcuno in realtà è altro, e chi è disonesto si trova a combattere dalla parte giusta della barricata contro altri ancora più cattivi. Ho letto il libro in una serata, proprio perché il ritmo è buono e la storia prende il lettore, si vuole scoprire cosa è capitato al padre e come risolverà la situazione questa ragazzina. Ecco il punto, quel piccolo particolare che mi ha fatto storcere il naso; sapevo di trovarmi di fronte a uno young adult con protagonisti giovani, ma una ragazzina di 15 anni trovo inverosimile che possa spacciarsi per un’adulta anche con qualsiasi travestimento, e poi avere addirittura un suo ufficio, per me è poco credibile. È anche vero che durante la lettura non si è portati a pensare all’età dei protagonisti perché si è totalmente coinvolti nelle vicende.

Mentre l’intreccio e la suspense sono portati avanti molto bene, a mio parere in questo caso la parte sentimentale poteva anche essere tralasciata, ha il sapore di qualcosa messo lì di proposito per attirare le lettrici che sperano nella storia romantica. In realtà di romance ce ne sono due, ed entrambi lasciano l’amaro in bocca e la protagonista non sembra molto coinvolta in ogni caso. 

Cosa mi è veramente piaciuto? Il temperamento della protagonista, la sua ironia che a volte mi ha strappato qualche sorriso e la sua forza, le sue capacità sono strabilianti e verrebbe quasi voglia di chiederle consigli, potrebbero tornare utili.

Una lettura veloce, con una trama che cattura, particolare e non scontata, un epilogo molto più realistico di quanto potessi pensare e una protagonista con un carattere ben definito…se solo avesse un paio d’anni in più sarebbe tutto perfetto.





10 commenti:

  1. E' un libro che mi incuriosisce davvero molto!! Credo proprio che lo leggerò! :)

    RispondiElimina
  2. Mmm... Sono perplessa, son sincera. Voglio dire, sono abituata a considerare i thriller, legati ai 'morti ammazzati'. Magari mi sbaglio, eh. Ma non credevo si potesse prendere la componente tensiva e appiccicarla su un altro genere di romanzo, men che meno uno youg adult XD Ma chissà, magari è bellissimo eh, dico solo che per le mie abitudini mi lascia perplessa XD Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il morto ammazzato c'è XD
      Comunque è un thriller atipico, io attendo di leggere "Quelle belle ragazze", quello sì che sarà un THRILLER tosto, appena lo metto ti avviso ;) Bacio

      Elimina
  3. Bella recensione! Devo dire che la trama mi piace, il fatto che si tratti una YA un po' meno ultimamente li trovo banali e però questo non sembra malissimo :D

    RispondiElimina
  4. Bella recensione!
    Voglio leggerlo da un pò,appena trovo il tempo la recupero questa lettura!

    RispondiElimina
  5. Cavolo, continuo ad aggiungere libri in wishlist, ahahaahah
    Un bacio! <3

    RispondiElimina
  6. Ciao Deb,
    era da un pò che non entravo nel tuo blog e voglio prima di tutto dirti che mi piace il nuovo cambio di grafica.
    Riguardo al libro, sebbene non sia proprio del mio genere mi sembra carino

    RispondiElimina
  7. Questo mi ispira un sacco!!! Me lo segno
    Un bacione

    RispondiElimina
  8. Sarà anche bello, ma non so, la storia romantica messa lì a caso proprio perché il libro deve essere letto, la ragazza diversa dalle altre (ormai sono tutte così le ragazze, ce ne fosse una normale) mi lasciano un po' perplessa... recensione, la tua, comunque molto dettagliata e soddisfacente :D

    RispondiElimina
  9. Ho letto le prime pagine dell'ebook, ma non mi ha convinta particolarmente.
    Forse lo stile di scrittura, non saprei :)

    RispondiElimina