QUELLO CHE NON DICI di Anyta Sunday | Recensione

domenica 7 maggio 2017

Quello che non dici recensione
Nuova recensione tra quelle arretrate, sto recuperando terreno finalmente! Questa volta passiamo al romance MM con il secondo volume della serie “Da nemici ad amanti” i cui protagonisti sono legati da un passato non proprio amichevole che poi si trasforma in qualcosa di molto diverso. Avevo già recensito il primo volume, Quello che non sai e avevo trovato lo stile dell’autrice molto delicato, per questo ero curiosa di leggere questa nuova storia. Non sono stata delusa, l’età dei protagonisti è diversa, nel precedente si parlava di adolescenti mentre stavolta abbiamo a che fare con degli adulti e una famiglia, forse per questo l’ho sentito più vicino e mi è piaciuto anche più del primo.


Quello-che-non-dici-cover7Titolo: Quello che non dici
Serie: Da nemici ad amanti #2
Autore: Anyta Sunday
Genere: Romance MM
Amazon
Sinossi2
A parte la sua preziosa Lamborghini, Karl Andrews non possiede niente. La fortuna non gira dalla sua parte, il denaro sta finendo e il suo sogno di diventare un cuoco professionista sembra sempre più irraggiungibile. Soprattutto quando i ristoranti non lo vogliono assumere nemmeno come cameriere. Ma non prenderà mai in considerazione di vendere l’unica cosa che possiede. Non importa quanto potrebbe guadagnarci. Non succederà mai. Piuttosto… Piuttosto… Piuttosto risponde a un annuncio per un lavoro come ragazza alla pari. A parte la definizione in sé, il lavoro gli sembra buono. Dovrà cucinare un po’, pulire, niente che non possa gestire. Davvero. Fin quando non si reca al colloquio e scopre che l’uomo che dovrebbe assumerlo è lo stesso che ha bullizzato, deriso e terrorizzato da bambino.
Ma Paul Hyte è ovviamente un uomo migliore di lui, gentile e clemente. E si fida di lui, visto che la parte principale del suo lavoro sarà prendersi cura di suo figlio. Nonostante il perdono da parte di Paul, le cose tra loro sono incerte, ed entrambi devono riconciliarsi con il loro passato se vogliono lasciarselo alle spalle. Mentre i due uomini imparano a conoscersi, un’innegabile attrazione cresce tra loro. Ma riusciranno a forgiare il loro futuro su un passato così difficile e un presente così complicato?




RECENSIONE
Karl e Paul, carnefice e vittima nell’infanzia, percorsi di vita diversi sino a un nuovo inizio, una riscoperta che li farà avvicinare in un modo inaspettato e che li potrebbe rendere finalmente felici.

Karl ha un sogno, quello di diventare un bravo chef. Cucinare lo fa sentire bene come poche altre cose al mondo. Nell’infanzia ha nascosto le sue fragilità mascherandosi da bullo, non curandosi di ferire altri per potersi integrare ed essere accettato. Ha continuato così sino all’adolescenza, sino a quando l’amato nonno non lo ha indirizzato sulla strada giusta, alla scoperta di chi fosse realmente, anche se questo gli è costato la famiglia. L’omosessualità di Karl non è stata accettata, i genitori non vogliono più vederlo, il nonno non c’è più, il ragazzo con cui stava lo ha portato in quella situazione e ora è senza un tetto e senza soldi. Alla ricerca di un lavoro Karl si imbatte nell’annuncio sulla ricerca di una ragazza alla pari e tenta il colloquio, non aspettandosi di incontrare il ragazzo bullizzato quando erano bambini. Karl è profondamente cambiato da allora, oggi si rende conto delle sue colpe e ne soffre, sa di non poterle cancellare e questo lo fa vergognare.

Paul oggi è molto diverso dal ragazzino brufoloso di un tempo, ha seguito un percorso di vita che lo ha portato a crearsi una famiglia, ha un lavoro sicuro e economicamente fruttuoso e un bambino che adora. Dietro la facciata sicura e da playboy in realtà si nasconde un uomo che ha insicurezze e sensi di colpa difficili da superare, e rivedere Karl fa riaffiorare i timori di quel tempo ormai lontano. Paul è però generoso e offre il lavoro a Karl.

Costretti a una convivenza forzata i due uomini imparano a conoscere ciò che ora sono diventati, avvicinandosi sempre di più e apprezzandosi. Un rapporto che inizia come amicizia, fiducia e rispetto ai quali si aggiunge anche l’attrazione. Karl non ha mai provato qualcosa di simile per nessuno e la sua dichiarata omosessualità non gli crea problemi a portare il rapporto in una fase successiva. Paul invece non riesce ad accettare appieno quel suo lato che ritiene essere una colpa, ha delle responsabilità verso la sua famiglia e il figlio che lo bloccano.

Riusciranno a superare paure, insicurezze e sensi di colpa per arrivare all’accettazione e lasciarsi andare all’ amore?

La storia creata dalla Sunday parla con delicatezza di temi come il bullismo, l’accettazione della propria sessualità e famiglia. L’autrice riesce ad approfondire le conseguenze psicologiche che comporta essere bullizzati, e lo fa raccontando il problema da entrambi i lati della barricata. La famiglia e l’amicizia sono altri punti fermi del romanzo, rapporti forti in grado di condizionare le azioni e i pensieri, ma che quando sono basati su amore sincero sanno accogliere e accettare.
Ho apprezzato che l’autrice abbia mantenuto la parte erotica a livelli leggeri, senza appesantirla o renderla troppo spinta, soffermandosi molto di più sui sentimenti provati dai protagonisti. Karl e Paul hanno caratteri diversi che sanno completarsi, ho amato entrambi perché trasmettono dolcezza, speranza e amore. Il figlio di Paul è straordinario, vivace, affettuoso e capace di vedere oltre le apparenze. È bellissimo vedere come si forma questa famiglia, perché di famiglia si tratta, unita da un legame profondo che riesce a migliorare i propri componenti, ad accettarli e amarli incondizionatamente.

Una storia d’amore capace di toccare con tenerezza il cuore del lettore.


Alla prossima lettura, 
Deborah4

Nessun commento:

Posta un commento