EMMA, IL FAUNO E IL LIBRO DIMENTICATO di Mechthild Gläser | Recensione

giovedì 27 aprile 2017

Release Emma banner
Oggi vi parlo di un romanzo che ho letto d’un fiato, scorrevole, originale, affascinante e tra le cui pagine ci sono tanti riferimenti alle opere di Jane Austen: imperdibile per chi la ama. Si tratta di un young adult ricco di magia, luoghi e personaggi incantati che vi farà evadere con la mente per portarvi lontano con l’immaginazione e facendovi vivere un’avventura straordinaria.

In questo periodo sto leggendo davvero dei bei libri e posso dire che in questo caso la sorpresa è stata più che positiva.


emma il faunoTitolo: Emma, il fauno e il libro dimenticato
Autore: Mechthild Gläser
Editore: Giunti
Genere: Fantasy Young Adult
Pagine: 320
Sinossi
Nella vecchia biblioteca del collegio, Emma scopre un manoscritto con uno straordinario potere: tutto ciò che viene scritto nelle sue pagine diventa realtà!

Emma inizia subito ad annotare i suoi desideri ma non sempre le cose vanno per il verso giusto... Inoltre, nelle pagine del libro, Emma legge le parole di una ragazza misteriosamente scomparsa quattro anni prima. Gli avvenimenti provocati dalla sua penna si intrecciano con la ricerca della ragazza scomparsa, in un susseguirsi di colpi di scena, innamoramenti, amicizie e avventure.

Un romanzo divertente, storia d'amore e racconto fantasy, che si legge tutto d'un fiato. Una versione moderna di ''Emma'', l'indimenticabile eroina di Jane Austen, un omaggio dal linguaggio fresco e contemporaneo che catturerà l'attenzione delle giovani donne di oggi.







RECENSIONE

Avventura, magia, personaggi fantastici e un’ambientazione cupa e fiabesca rendono questo romanzo allo stesso tempo affascinante e inquietante. Avere la possibilità di realizzare i propri desideri è un potere enorme che tutti vorrebbero avere, ma siamo certi che non implicherebbe conseguenze difficili e pericolose da affrontare?
Il bosco intorno a Stolzenburg era fitto e incolto. C’erano soprattutto alberi e gli aghi caduti formavano uno strato morbido sul terreno. Quando si passava tra i tronchi, sembrava sempre, anche negli inverni più rigidi, di camminare su un folto tappeto che ricordava un’accogliente atmosfera casalinga.
Quando la giovane Emma ritorna da un viaggio in Inghilterra nella cittadina di Stolzenburg si sente finalmente a casa, pronta a iniziare una nuova vita, a crescere e maturare per entrare nel mondo degli adulti. Il Castello immerso tra i boschi è avvolto da un fascino misterioso e oscuro, ma è la sua scuola, quella in cui ha passato gli anni della sua adolescenza, con un padre rettore ipocondriaco, un’amica del cuore, e il suo desiderio di fare qualcosa di concreto per quel luogo a cui è così legata. Emma è una ragazza che usa la ragione, organizzata, pratica, indipendente e propositiva. La sua razionalità si scontra con un mondo magico e impossibile da credere il giorno in cui ritrova un libro speciale, una Cronaca dei fatti misteriosi che sono accaduti negli anni e nei secoli precedenti proprio nei luoghi in cui vive.
Scarabocchiai per un po’ a caso sulla pagina, disegnai onde, zig.zag, punti, trattini. Ma le parole, una volta scritte, rimanevano così com’erano: si stagliavano con un nitore intenso fra gli scarabocchi.
Emma scopre che ora, con in mano quel libro incantato ha un potere, quello di far accadere tutto ciò che vi scrive. Perché non utilizzarlo per migliorare ciò che la circonda? Per realizzare i suoi desideri? Quello che non sa è che le parole hanno un peso, si deve stare molto attenti a quando e in che modo usarle, altrimenti le conseguenze possono essere inaspettatamente pericolose.
Da allora è molto cambiato. È diventato scontroso e di malumore, scortese con tutti. Presumo perché non sopporterebbe di venire ferito ancora in quel modo.
Emma è razionale per molti aspetti, ma ha un animo romantico, un cuore che sa battere e innamorarsi, e una cotta incredibile da anni…poi arriva Darcy (sì, si chiama proprio così, vi dice qualcosa?). Darcy è un ragazzo freddo, distaccato, arrogante, non si preoccupa certo di ferire con le sue affermazioni e sembrerebbe pensare di potersi permettere tutto. Perché è al Castello? Per quale ragione non sparisce da dove è venuto visto che odia quel posto? Darcy ha un obiettivo, un dolore enorme che lo ha colpito qualche anno prima, il senso di colpa che ha invaso la sua vita e un intricato mistero che vuole assolutamente risolvere.

Il rapporto tra Emma e Darcy? Di odio reciproco...o forse no? Quello che è certo è che i battibecchi e l'ironia non mancheranno, l'antipatia potrebbe nascondere qualcosa d'altro e un obiettivo comune fare in modo che entrambi vadano oltre la prima ipressione.

Emma deve fare i conti con il libro, scoprire se esiste veramente quel fauno che vi è descritto, e nel frattempo crescere. Riuscirà a svelare i segreti che hanno avvolto per anni il Castello, a mettere a posto le cose e nel frattempo trovare la sua strada e far emergere i suoi veri sentimenti?

L’autrice ha saputo intrecciare più generi, dal fantasy al romance, dallo young adult al mystery e lo ha fatto raccontando una storia allo stesso tempo moderna e antica, riuscendo a rimanere nell’epoca in cui si trova, ma allo stesso tempo raccontando una fiaba, in cui amicizia, amore e crescita sono i principali protagonisti. Come ormai avrete capito sla Gläser ci regala molti riferimenti ai romanzi della Austen, omaggiandola in un modo originale che mi ha entusiasmato. Emma ha tutte le caratteristiche per essere una giovane e attuale Elizabeth Bennet, e la parte romantica è un adattamento, forse più adolescenziale, ma certamente originale e piacevole a Orgoglio e Pregiudizio.

Con un linguaggio semplice, scorrevole e una parte mystery scandita da suspense e colpi di scena inaspettati, l'autrice cattura l'attenzione del lettore, lo coinvolge e non lo lascia andare sino alla fine, intrigato dal quel mondo immaginario e ammaliante che in qualche modo è sempre stato nelle nostre fantasie sin da bambini.

Un romanzo per un target giovane, ma che sa fare colpo anche sul lettore più maturo che trova soddisfatta la sua immaginazione, il suo desiderio di avventura e mistero senza dimenticare quel pizzico di romanticismo delicato che fa bene al cuore.

EMMA E ANNE

PersuasioneCome accennavo il romanzo è un omaggio esplicito alle opere di Jane Austen e in particolare del suo Orgoglio e Pregiudizio. Emma assomiglia in maniera impressionante a Elizabeth Bennet, orgogliosa, indipendente e testarda, non ha certo paura di affrontare le situazioni che incontra e mantiene salde le sue convinzioni.

E allora cosa può avere in comune con la timida, insicura, docile e influenzabile Anne Elliot, protagonista di Persuasione?

In realtà sono pochi i punti di incontro caratteriali, soprattutto andando avanti nello svolgimento della trama, quanto piuttosto la situazione famigliare. Emma, come Anne è poco considerata in famiglia, devono vivere sole, occupandosi di sé stesse senza le attenzioni dei genitori. Se però per Anne è una condizione dettata dal suo essere considerata inutile perché ai tempi in cui si svolge il romanzo essere di bell’aspetto era molto più importante dell’essere intelligente e di buon cuore come lei, per Emma è forse il contrario, con genitori troppo presi dalle loro vite per dar peso alle necessità di una ragazzina che, comunque, è assolutamente in grado di badare a se stessa.

I due personaggi come ho detto ad una prima lettura appaiono molto diverse caratterialmente, una dolce e remissiva, l’altra combattiva e propositiva. Eppure mantengono entrambe le caratteristiche principali che ritroviamo nei personaggi della Austen: entrambe di buon cuore non esitano ad aiutare chi amano, anche si in modi diversi; credono nell’amore e sono romantiche; sono particolarmente intelligenti; hanno ottime capacità organizzative sapendo risolvere i problemi pratici in maniera efficiente.

C'è un altro tratto che ho trovato somigliante, l'essere in qualche modo influenzabili nei giudizi. Anne era stata convinta a percorrere una vita non sua dalle parole di chi le stava accanto, e in qualche modo Emma inizialmente è convinta delle sue impressioni verso Darcy dai malintesi e dalle dicerie, anche se Emma è decisamente molto più capace di Anne di gettarsi nelle situazioni e, conseguentemente in grado di svelare la realtà dei fatti per poi prendere decisioni proprie.

CALENDARIO PARTY #IOCOMEJANEAUSTEN

Se vi siete incuriosite dalla mia recensione e dall’omaggio all’amata Jane Austen allora non dimenticate di seguire il party #iocomeJaneAusten, qui trovate il calendario con le tappe.

Release Emma

Buona lettura,
Deborah

19 commenti:

  1. Bella tappa! Sono sicura che adorerei Emma così come Elizabeth ed Anne! *__*
    venera.lowe@gmail.com

    RispondiElimina
  2. Bella recensione è soprattutto molto la comparazione tra Emma e Anne ♡.♡
    Inoltre, sono così curiosa di conoscere Darcy ♡.♡
    Un personaggio con questo nome merita tutta la mia attenzione ;-)

    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Facebook: Rosy Palazzo
    Ho compilato il form ;-)

    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=875448389273560&id=100004252210765

    Grazie mille per l'opportunità ♡

    RispondiElimina
  3. che fantastica tappa grazie
    dilorenzomarianna07@gmail.com

    RispondiElimina
  4. bella recensione, mi hai invogliato a leggerlo! ;)
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  5. Mi è piaciuta la comparazione tra Emma e Anne...sempre più curiosa di leggere questo romanzo!
    GFC/FB: Chicca Tamburrino
    e-mail: pleadi@inwind.it

    RispondiElimina
  6. Bella recensione mi è tornata la speranza che sia un libro che può entusiasmare anche me!

    RispondiElimina
  7. Bellissima tappa, la recensione mi è piaciuta molto :D
    Link di condivisione: https://www.facebook.com/chiara.fornasiero.3/posts/1661854717176425?pnref=story

    RispondiElimina
  8. Bella recensione,spero di leggere presto questo libro.
    lauradomy@hotmail.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo leggerai ti aspetto per i commenti ;)

      Elimina
  9. Non conosco Anne di Persuasione e leggendo la vostra tappa ho provato una gran pena per lei! I genitori dovrebbero amare i propri figli indipendentemente da tutto!
    nicolettamarasca88@gmail.com

    RispondiElimina