Anteprima QUANDO TUTTO CROLLA di Charlie Cochet

domenica 9 aprile 2017

Quando tutto crolla anteprima
In uscita domani per Triskell Edizioni il quarto capitolo della serie paranormal-poliziesca THIRDS. Vi avevo presentato i primi volumi QUI, QUI e QUI.

Come sapete, o se non lo sapete ancora ve lo sto per dire, questa serie narra le vicende di Dexter e Sloane, due agenti della squadra di Difesa, Ricognizione e Intelligence umana e teriana, THIRDS. Dexter è un umano, mentre Sloane è il suo partner teriano giaguaro e tra battaglie e suspense dovranno anche capire quale sia il loro vero rapporto.
 
Quando tutto crollaTitolo: Quando tutto crolla
Titolo originale: Rise & Fall
Serie: THIRDS #4
Autrice: Charlie Cochet
Traduttrice: Valentina Chioma
Genere: Paranormal / Poliziesco
Lunghezza: 263 pagine
Data di pubblicazione: 10 Aprile

Sinossi[2][2][2]
A seguito di un attacco da parte della Coalizione, il team leader dei THIRDS, Sloane Brodie, rimane seriamente ferito, e Dexter J. Daley giura che Beck Hogan pagherà per ciò che ha fatto. Ma i piani di vendetta di Dex hanno vita breve. Con Ash ancora in congedo per via delle ferite riportate, Sloane in ospedale e la Destructive Delta nel mirino della Coalizione, il tenente Sparks non vuole rischiare. La squadra di Dex viene tolta dal caso e le indagini passate a un altro team leader: Sebastian Hobbs.

Dex si rifiuta di farsi da parte mentre un’altra squadra dà la caccia a Hogan, e così decide di mettere a frutto le sue capacità di detective per trovare Hogan prima della Theta Destructive, costi quel che costi.

Con una lunga e dolorosa convalescenza davanti a sé, l’ultima cosa di cui Sloane ha bisogno è che il suo compagno se ne vada in giro a fare ricerche in città, specialmente se le sue bugie – anche se a fin di bene – iniziano a sfuggirgli di mano. Sloane conosce fin troppo bene il desiderio di vendetta, ma ci sono cose più importanti, come l’uomo che ha giurato di stargli accanto.

Quando Dex si avvierà verso un sentiero oscuro, sarà compito di Sloane mostrargli cosa c’è in gioco e dare finalmente un nome a ciò che ha nel proprio cuore.



Alla prossima,
Deborah[4][2][2]

Nessun commento:

Posta un commento