ROMANTICS di Leah Konen | Recensione

domenica 5 marzo 2017

Romantics foto
Questa domenica voglio parlarvi di un romanzo che vi ho potuto presentare grazie al blogtour a cui ho partecipato (la mia tappa playlist QUI). Si tratta di "Romantics" scritto da Leah Konen, edito Mondadori Chrysalide e, come avrete capito dal titolo parla di amore, anzi fa parlare Amore nel vero senso della parola. È infatti Cupido stesso a raccontarci la storia di Gael alla ricerca dell’anima gemella.

Ho trovato questa lettura deliziosamente dolce, senza eccessi e in grado di parlare di varie sfaccettature dell’amore in modo originale e realistico nonostante l’elemento “fantasy” della presenza di Cupido. Ammettiamolo, chi di noi non vorrebbe a volte conoscere Cupido e capire quali sono le sue tecniche per farci incontrare l'anima gemella, e magari anche scambiarci due paroline se possibile...

A volte il più grande gesto d’amore non ha nulla a che vedere con una storia d’amore.

cover-Romantics
Titolo: Romantics
Titolo originale: The Romantics
Autore: Leah Konen
Editore: Mondadori Chrysalide
Genere: Young Adult
Pagine: 249
Sinossi
Gael ha il cuore spezzato dopo aver scoperto che la fidanzata Anika lo tradisce con il suo migliore amico. Come se non bastasse, i suoi genitori si sono separati, scompigliando così la vita sua e della sorellina Piper. Di fronte a questa tragedia, Amore (proprio lui, in persona), frustrato per non essere riuscito a tenere insieme il padre e la madre di Gael, decide di andare in soccorso del ragazzo, romantico patologico, per curare il suo cuore ferito. I piani di Amore per Gael, però, vengono messi a rischio dall'arrivo di Cara, la ragazza sbagliata al momento sbagliato, da cui il ragazzo sembra irresistibilmente attratto...



RECENSIONE
Cupido scocca le sue frecce, tesse trame, organizza casuali incontri per dare a ognuno di noi la relazione migliore, ma non è infallibile. Il libero arbitrio ci fa spesso deviare dal percorso giusto e anche quando  la scelta è azzeccata ogni tanto la relazione ha bisogno di un controllo perché continui ad andare bene, anche questo è compito di Amore. Ma cosa accade quando Cupido si distrae? Le conseguenze sono una catena di eventi che sembra destinato a far compiere le scelte sbagliate, a meno che qualcuno non ci metta lo zampino per riportare tutto sulla strada giusta.
Vi sto chiedendo di dimenticare tutto ciò che credete del vero amore. Quello giusto non vi rende egoisti e miopi. Il vero amore vi rende una persona migliore.
Il nostro diretto interlocutore è Amore (o Cupido che dir si voglia), un personaggio ironico e divertente, leggero e un po’ frivolo ma che prende molto a cuore il suo compito: occuparsi di far trovare a ognuno di noi la persona giusta, quella che ci permette di esprimerci al meglio di noi stessi e ci incoraggia nelle nostre scelte rimanendoci accanto.

Cupido ha commesso un errore con i genitori del giovane Gael e tutto è precipitato: il ragazzo non riesce a darsi pace, dentro di lui lottano la sua parte romantica e il disincanto che ha prodotto la separazione dei suoi. Come se non bastasse scopre che la sua fidanzata lo tradisce con il suo migliore amico, quindi è facile per lui perdere la fiducia. Ricordatevi però cosa vi ho detto, Gael è un romantico e per lui l’idea stessa dell’amore è amore.
Vale la pena notare una piccola e diffusa trappola della mente in cui voi umani cadete spesso: vi concentrate molto di più su quanto piacete all’altra persona piuttosto che su quanto lei piaccia davvero a voi.
Un incontro casuale per il romantico Gael può facilmente trasformarsi in qualcosa di predestinato, inducendolo a pensare che la ragazza in questione sia finalmente quella giusta, al punto da non vedere affatto quanto in realtà possa essere sbagliata.

A questo punto Amore non può più perdere tempo e, attraverso una serie di trucchetti tenta di aprire gli occhi a Gael sulla ragazza giusta prima che sia troppo tardi per averla. Si intuisce subito quale sia in realtà quella ragazza, ma è tutto ciò che viene costruito attorno a questa storia, i sentimenti che crescono, la maturazione del personaggio, gli avvenimenti famigliari ad accrescere la parte emotiva del romanzo.

I sentimenti, le emozioni semplici ma allo stesso tempo complesse sono a mio parere la parte più bella della storia creata dalla Konen, che è un inno all’amore in ogni forma, una metafora di quanto questo sentimento sia importante nelle nostre vite anche quando non ce ne rendiamo conto, perché è lui che ci guida in ogni nostra scelta, basta solo starlo a sentire e nulla potrà andare male.

La scrittura fluida e la capacità dell'autrice di essere ironica e profonda allo stesso tempo permette al lettore di sentirsi partecipe, di riconoscersi un po’ nell’uno o nell’altro personaggio e la scelta di narrare attraverso gli occhi di un Cupido leggermente pasticcione lo rende in un certo senso complice e custode del suo segreto.

Una lettura carina, scorrevole e dolce senza tralasciare qualche sorriso.


Alla prossima chiacchierata,
Deborah

1 commento:

  1. Adoro quella foto, me n'ero già innamorata su Instagram :)
    Bellissima recensione, Deb!
    Bacioni <3

    RispondiElimina