RISVEGLIAMI di Cardeno C. | Recensione

martedì 7 marzo 2017

RISVEGLIAMI FOTO
Lo sapete se mi seguite che amo i fantasy e le creature della notte, inoltre ho un debole per i mutaforma quindi all’uscita del nuovo romanzo di Cardeno C. edito Triskell Edizioni non ho potuto dire di no.

I mutaforma del romanzo sono uomini-lupo e la storia di questo primo volume della serie “Mates” parla proprio dell’adorabile Alfa del branco. La coppia che vediamo formarsi riserva sorprese inaspettate durante la lettura, una di quelle storie di compagni predestinati di cui noi fan del genere piace tanto leggere, con un pizzico di pepe e tanto sentimento.

RISVEGLIAMI
Titolo: Risvegliami
Titolo originale: Wake Me Up Inside
Serie: Mates #1
Autore: Cardeno C.
Traduttrice: Barbara Cinelli
Genere: Paranormal
Lunghezza: 248 pagine
Prezzo: 5,99 Sinossi
Considerato il più potente mutaforma da generazioni, Zev Hassick è sorpreso e confuso quando si scopre attratto dal suo migliore amico. Il suo molto umano, molto maschio, migliore amico. Un mutaforma deve accoppiarsi con una femmina della sua stessa specie per mantenere la sua umanità, quindi un mutaforma non può essere gay. Eppure tutto gli dice che Jonah è il suo vero compagno.
Mantenere una relazione con l’uomo che ha amato sin dall’infanzia non è facile per Jonah Marvel, ma non lascerà che la distanza o la bizzarra famiglia di Zev si metta di mezzo. Quando una strana malattia inizia ad affliggerlo, la necessità principale è salvare la propria vita e la propria sanità mentale per poter avere un futuro con Zev.
Zev e Jonah sanno di essere destinati a stare insieme, ma devono affrontare tradizioni radicate da generazioni e segreti a lungo sepolti che possono minacciare il loro futuro insieme.
RECENSIONE
L'amore, quello vero vince su tutto se si è in grado di sacrificarsi e lottare contro tutto e tutti, convenzioni, tradizioni e attese interminabili.

Sin da quando è nato Zev ha mostrato di essere uno dei mutaforma più potenti della sua razza, destinato a diventare un grande Alfa per il suo branco. La sua vita sembra destinata a seguire le regole che sono sempre state alla base della sua comunità e della sua razza: crescere, sviluppare il suo lupo e accoppiarsi con una femmina mutaforma per mantenere la sua parte umana. Ma in lui c'è qualcosa di diverso, ha trovato il suo "vero compagno" e non è una femmina mutaforma, ma qualcosa che nessuno potrebbe mai accettare: un uomo e oltretutto umano. 
Il bambino dai capelli bianchi era suo. Il lupo di Zev lo sapeva d’istinto e il suo lato umano concordava. Magari, una volta cresciuto, sarebbe stato in grado di trovare un modo per giocare con il suo amico.
Zev incontra Jonah quando ancora sono piccoli e tra loro scatta immediatamente un legame anche se per incontrarsi realmente dovranno aspettare le scuole. Jonah è forte e massiccio quanto Zev, riesce a tenere testa ai mutaforma che non vogliono avvicini qualcuno della sua razza, ma ha anche un lato docile e gentile.

L'autrice ci racconta la loro storia partendo dall'inizio e il lettore può assistere alla crescita del loro rapporto, dal primo sguardo all'amicizia che li lega al punto da non aver bisogno di parole per comunicare, sino alla scoperta dell'amore che provano l'uno per l'altro. Zev colpisce per la sua capacità di sacrificarsi in modo che l'amato Jonah possa seguire la sua strada, sperimentare la vita prima di legarsi a lui per sempre e svelargli chi è realmente; nonostante il suo essere Alfa, quindi in grado di tenere testa a tutti i membri del branco e farsi rispettare con polso fermo, il suo modo di fare non è autoritario, lui è capace di ascoltare, non ha pregiudizi, accetta la diversità, forse proprio perché lui stesso è diverso da quegli stereotipi che sono sempre stati l'idea inculcatagli da genitori e branco.

La storia che ci viene raccontata percorre gli anni in cui i due protagonisti si sono avvicinati, la loro amicizia e poi il loro ritrovarsi innamorati, costretti a nascondersi per fino a quando l’unione che sembra impossibile si dovrà compiere.
[...] non si tratta di essere maschio o femmina, ma della connessione con qualcuno che può darti quello che ti serve e ispirare tutte le tue parti: l’umano e il lupo. Ha perfettamente senso.
Zev sa che Jonah è il suo compagno predestinato, sa anche che c'è un modo perché tra loro funzioni ma mette i desideri del compagno e amico sopra tutto a costo di rischiare di perdersi. Quando ormai l'unione sembra compiuta un segreto custodito per anni e una minaccia pericolosa rischiano di dividerli per sempre.

Zev e Jonah riusciranno a superare una verità inaspettata e potente e sconfiggere chi non vuole la loro unione a costo della vita?

L’autrice ci racconta una storia di crescita, comprensione di sé stessi dei personaggi che vediamo mano a mano crescere negli anni, portandosi dietro frustrazioni e segreti sempre accompagnati da quel legame profondo e indissolubile che li unisce. Ci sono momenti difficili, altri piccanti e di scoperta, rivelazioni e pericoli. 

Come dicevo nell'introduzione la trama proposta da Cardeno non spicca di originalità, un paranormal con la classica storia d'amore tra protagonisti predestinati e relativi ostacoli da superare e legami da affermare attraverso gesti da compiere per reclamare il proprio compagno. Quello che invece colpisce e ho apprezzato sono i due protagonisti e la crescita del legame tra loro, che passa prima attraverso anni di amicizia per poi rivelarsi nella sua reale natura.

Cardeno riesce a raccontare una storia in cui si affermano messaggi come l'uguaglianza e il rispetto della diversità, per quanto si tratti di un paranormal attraverso i sacrifici e gli ideali del protagonista si riesce a comprendere quanto l'intolleranza sia davvero pericolosa.

I due protagonisti sono approfonditi, si riescono a conoscere i loro pensieri e le loro sensazioni, la frustrazione dell'essere lontani, le incomprensioni, il dolore fisico del distacco. Zev è un personaggio positivo in ogni sua sfaccettatura, mette al di sopra di tutto l'amore a prescindere da ciò che gli altri possano pensare; Jonah è coraggioso e indipendente, ma allo stesso tempo non nasconde le sue fragilità.

Le scene d'amore, anche se forse le avrei preferite più limitate, sono talmente piene di amore e dolcezza che il lettore percepisce soprattutto la complicità tra i protagonisti alleggerendole e riempiendole di sentimento. Ho apprezzato soprattutto i momenti di vicinanza tra i due protagonisti, la comprensione e il sostegno che si danno l'un l'altro sempre, a prescindere da qualsiasi cosa accada e la totale sincerità tra loro.

Un romanzo adatto agli amanti del genere, che trasmette messaggi positivi e profondi attraverso la leggerezza di un paranormal. 

Alla prossima chiacchierata,
Deborah

Nessun commento:

Posta un commento