Segnalazione “Wireless” di L. A. Witt

venerdì 3 febbraio 2017

Wireless anteprimaUna nuova uscita di oggi per Triskell Edizioni. Un mondo virtuale sembra essere l’unico luogo dove l’erotismo è permesso, i contatti umani sono proibiti, ma come tutte le cose proibite sono anche più desiderate.

È questo il mondo dove ci porta l’autrice L. A. Witt raccontandoci la storia di Keith e Aiden, due uomini che non sapranno resistersi e infrangeranno le regole.

Wireless_cover

Titolo: Wireless
Titolo originale: Wireless
Autrice: L.A. Witt
Traduttrice: Raffaella Arnaldi

Genere: Sci-fi
Lunghezza: 252 pagine
Formato: pdf, epub, mobi

Prezzo € 4,49

Data pubblicazione 3 febbraio 2017

Sinossi

Toccarsi a pelle è illegale. Il sesso? Un reato. Tute isolanti e guanti impediscono alle persone persino il più platonico contatto. I cittadini in massa fanno la fila per entrare nelle simhouse, dove le macchine per la realtà virtuale forniscono loro la razione di orgasmi prescritta dai medici.

Keith Borden lavora in una simhouse da anni e non ha mai provato la tentazione di infrangere la rigida regola che vieta il contatto… finché non compare Aiden Maxwell. Il suo paziente, attraente e pericolosamente amante del flirt, lo invita nell’ambiente malfamato in cui la gente fa sesso vero, senza essere collegata alla rete. Anche se Keith rischia di perdere la carriera e la libertà, è incuriosito, e Aiden irresistibile.

Dal momento in cui mette piede per la prima volta in una sala dove si pratica il sesso wireless, Keith si ritrova in un mondo di carne e di fantasie realizzate. Sviluppa una dipendenza. Dal sesso, dall’atmosfera del locale, e soprattutto da Aiden. Anni in cui ha tenuto a distanza chiunque popolasse il suo mondo, hanno fatto sì che Keith brami il contatto umano, e Aiden gli offre tutto il contatto che lui possa desiderare: sesso rovente, dolce affetto, e tutto quanto vi stia in mezzo.

Almeno finché un inaspettato tradimento sconvolge la vita di Keith, che si ritrova più solo di quanto abbia mai immaginato di poter essere…

 

Alla prossima,

Deborah

Nessun commento:

Posta un commento