Il martedì delle ragazze. Citazioni e tazze di tè #8

martedì 28 febbraio 2017

 
Il martedì delle ragazzeEccoci qui anche oggi, io, Isa e Virginia. Come ogni martedì alle 17:00 allestiamo il nostro piccolo salotto virtuale nel quale parliamo dei brani che chi hanno colpito tra le nostre ultime letture.
 
Devo dire che è sempre un piacere leggere le loro scelte, scopro nuovi libri e allo stesso tempo conosco tanti nuovi pezzettini delle mie due colleghe e amiche blogger. Siete curiosi? Allora ecco qua per voi gli estratti e se avete voglia mi piacerebbe leggerne di vostri nei commenti…non siate timidi ;).

Deborah3

La gente vi suggerisce quello che lei stessa vorrebbe fare o di cui avrebbe bisogno. Ma amare è un’esperienza talmente unica che è pressoché impossibile per chiunque, tranne me, sapere esattamente di cosa ha bisogno qualcuno in un dato momento, e persino io sbaglio a volte.

 
Tratto da “Romantics” di Leah Konen – Mondadori Chrysalide

Ho scelto questo passaggio in cui parla Cupido, l’unico forse a capire l’amore (ma per sua stessa ammissione sbaglia anche lui), perché spesso ci troviamo a chiedere consigli o ne riceviamo senza averli chiesti, tutti vogliono sapere cosa è giusto per noi, mettersi nei nostri panni e indirizzarci verso la persona o la situazione giusta; il problema è che ognuno di noi è unico, ha un cuore che batte in modo diverso da chiunque altro e sa meglio di chiunque altro cosa o chi ci può rendere veramente felici.

Isabella2
Non poteva tagliare con il passato solo a pezzi, doveva farlo in maniera completa e non ci potevano essere superstiti.
Tratto da "Stranizza” di Valerio La Martire - Bakemono Lab

Ho scelto questo passaggio perché mi rispecchia molto: io stessa quando decido di tagliare il vecchio lo faccio senza colpo ferire. Taglio tutto, via, senza farmi troppi problemi. Poi magari ci sto male, mi faccio le paranoie e altro, ma quando taglio lo faccio bene senza escludere nessuno.

Virginia2
Per quanto difficile possa essere la vita, c'è sempre qualcosa che è possibile fare. Guardate le stelle invece dei vostri piedi. [Stephen Hawking]
Tratto da "Starlight" di Cristina Chiperi - Garzanti

Ho scelto questa frase perché mi regala una forza straordinaria. Pensare di non avere più possibilità è un grande errore: ce ne sono sempre e quando crediamo che i nostri problemi siano scogli insuperabili basta alzare gli occhi al cielo e capire che esistono milioni di possibilità. Apriamo i nostri orizzonti invece di chiuderli.

Al prossimo salotto,
Deborah7

Nessun commento:

Posta un commento