"Un amore a cinque stelle" di Manuela Chiarottino - Recensione

venerdì 25 novembre 2016

Oggi vi parlo di un nuovo romance Triskell, scritto da un'autrice italiana, radicato nella realtà al punto da farla sembrare una storia vera.

UN AMORE A CINQUE STELLE
Titolo: Un amore a cinque stelle
Autore: Manuela Chiarottino
Genere: Romance contemporaneo
Editore: Triskell
Pagine: 105 Sinossi
Adele è una donna in carriera, decisa e risoluta, che non pensa all’amore. Almeno fino al giorno in cui incontra Matteo.
Tutto sembra andare per il meglio tra loro, ma Adele sarà presto costretta a fare i conti con il suo passato, con una sorella in difficoltà che ha bisogno del suo aiuto e con il destino che si accanisce contro la sua storia d’amore con Matteo.
Ma Adele è una donna forte intenzionata a prendere in mano la sua vita e a dare nuova speranza a chi le sta accanto.






Recensione
Un amore a cinque stelle foto«[…] quella sua parte di donna indipendente, o forse solo timorosa di fidarsi totalmente di qualcuno, ogni tanto affiorava ancora»

Quella tra Adele e Matteo è una storia d'amore che fa battere il cuore, romantica e dolce, ma anche piena di determinazione e passione.


Adele è una giovane donna che ha dato precedenza al lavoro e alla carriera, non ha orari ed è spesso un passo avanti ai colleghi. Ovviamente questo suo aspetto mal si concilia con la vita privata, praticamente inesistente da anni, e l'ha fatta allontanare anche dalla famiglia, ormai composta solo dalla sorella Romina, sposata, madre e casalinga. Dalle premesse ci si aspetta di avere a che fare con una protagonista fredda e distaccata, invece scopriamo ben presto che Adele  si è come nascosta dietro alla carriera per la paura di perdere la propria indipendenza e di dover rinunciare ai propri sogni, ma soprattutto per il timore di soffrire. Adele in realtà ha tanto cuore e amore da dare, è altruista, protettiva e tenera.

«Ormai era entrato nella sua vita, aveva conquistato una parte del suo cuore, sistemandosi con delicatezza e adagiandosi in esso, come se ci fosse sempre stato»

Complice uno scontro al parco nella vita di Adele arriva Marco, un ragazzo che le fa provare una sensazione che non aveva più provato da tempo e per il quale abbatte un po' di quei muri che aveva costruito attorno a sé. Marco è un protagonista che conquista il cuore delle più romantiche, perché sin da subito si dimostra capace di farsi trasportare da un sentimento che nasce forte e immediato, non ha paura di farsi coinvolgere nella vita di Adele al punto da offrirle il suo aiuto in situazioni famigliari delicate, sostenendola con pazienza e dolcezza, entrandole nel cuore come un lieve soffio d'aria pronto a ridare vita. Marco non è ambizioso allo stesso modo di Adele, ma ha un sogno, quello di fare il cuoco e avere il suo ristorante, una meta che sembra sempre più vicina…

La vita però  è piena di imprevisti e quella di questi due giovani tenta in ogni modo di mettere alla prova i loro sentimenti;  prima un grave problema famigliare irrompe nella vita di Adele, poi quando questo si risolve  il destino ha in serbo qualcosa di tragico e crudele per Marco. Quello che però il destino non sa è di avere a che fare con due persone pronte a lottare per chi amano, a sostenersi a vicenda e mantenere la speranza sempre accesa.

Quella scritta dalla Chiarottino è una storia d’amore ma anche di vita e quotidianità,  le difficoltà alle quali l’autrice mette di fronte i personaggi non sono romanzate o comunque surreali, ma si parla di problemi che purtroppo accadono nella vita vera, e anche i personaggi sembrano facilmente riconoscibili in chi potremmo incontrare.

Uno degli argomenti che la Chiarottino tocca è la violenza sulle donne, e riesce a farlo, nonostante la brevità della storia e il contesto sentimentale senza sminuirne l’importanza, evidenziandone i meccanismi psicologici nelle vittime, ma dando esempio di coraggio e forza attraverso due donne forti, capaci di affrontare seppur in modi e tempi diversi questa terribile situazione e trovare speranza per ricominciare a vivere.

Dal punto di vista narrativo il racconto si legge d’un fiato, in modo fluido, e l’uso della terza persona permette all’autrice di cambiare prospettiva e al lettore di avere un quadro totale della storia e dei protagonisti. Ben delineati i due protagonisti principali, ma altrettanto importante per il racconto la sorella di lei, Romina, un personaggio che sembra l’esatto opposto di Adele ma anche una donna pronta al riscatto e che avrà un ruolo chiave in tutta la storia.

Una lettura romantica e accogliente con personaggi realistici che scaldano il cuore.

Nessun commento:

Posta un commento