“La Rosa e l’Oceano” di Lorenza Bartolini – Recensione

domenica 16 ottobre 2016

Buona sera lettori. Oggi Patty ci parla del secondo volume della serie  fantasy “La saga della Rosa” di Lorenza Bartolini. Dopo aver letto “La rosa e il deserto” Patty non vedeva l’ora di scoprire cosa l’autrice riservasse ai lettori e finalmente ha potuto leggere il seguito. Vediamo cosa ne pensa.

LA ROSA E L'OCEANO-min

Titolo: La Rosa e l’Oceano
Serie: La saga della rosa vol.2
Autore: Lorenza Bartolini
Genere: Fantasy
Pubblicazione: settembre 2016
 
Colei che avrà tutto dalla vita. Questo è l'augurio che Tessa riceve dai suoi genitori, nel chiamarla così. Infatti, la figlia maggiore degli Xerofit cresce nella piena libertà di fare quello che le piace, non curandosi dei divieti imposti dal re e dalla regina, o dei pericoli a cui potrebbe andare incontro. Condurrà una vita sfrenata e dissoluta, non sapendo che un'ombra del passato oscurerà il suo presente e quello dei regni, le cui sorti saranno nuovamente minacciate da sanguinosi conflitti.




Lorenza mi ha sorpreso subito, ero convinta che i protagonisti sarebbero stati ancora Marylya e Meros, invece siamo davanti ai figli dei personaggi del primo libro, Tessa e cugini, ma non solo. Viviamo in prima persona con Tessa, la figlia di Marylya e Meros, governanti felici del regno del sud. I paesi conosciuti sono in pace, divisi tra Marylya e i suoi fratelli, con matrimoni d’amore o combinati. Tessa, ormai, è una ragazza ed è ora che veda il mondo ed esca dalla protezione dei suoi genitori, soprattutto deve conoscere la famiglia di sua madre. Un lungo viaggio attende Tessa, che la porterà in tutti i regni, incontrerà molte persone, si scontrerà con culture diverse e imparerà molte cose, tra cui l’amore. E’ una ragazza solare che vuole vivere di emozioni. Spesso si paragona a sua madre e pone l’accento sulle loro differenze, una mora e l’altra bionda, una fifona, posata e razionale, l’altra impulsiva, coraggiosa e combattente, eppure hanno molte analogie: sono determinate e disposte a tutto pur di vivere il loro amore. Tessa, ama l’oceano e le sue onde, tanto da essere una provetta surfista, si avete capito bene fa surf e certo non è l’ultima arrivata. Sembra di essere in un giorno da leoni, alla ricerca dell’onda perfetta, strano che una ragazza si metta mezza nuda e vada nell’oceano a danzare con la sua tavola. Molto particolare la passione di Tessa, ma presto conoscerà anche i piaceri del sesso e rimarrà prigioniera della lussuria e della passione, nulla a che vedere con l’amore. Sarà chiusa in un triangolo amoroso, tra suo cugino e l’amico di sempre, fino a quando sarà incastrata in una promessa di matrimonio. Tessa, non ama il nord e neanche lui, lei ama la sua terra, ma soprattutto l’oceano non potrebbe mai vivere senza. Tessa, sconsolata torna a casa, ma durante l’attraversata succede qualcosa, viene rapita ed è portata oltre il mondo conosciuto, verso Ovest. Tessa, non sa cosa la attende è circondata da uomini senza scrupoli con un capitano affascinante e la sua donna, Nives, un’albina. E’ sola, nessuno la può aiutare e lei non ha l’intraprendenza e la forza di sua madre per tentare la fuga, ma forse Tessa, una volta conosciuto meglio il capitano Mathis…

Mi misi il cuscino sulla faccia, soffocando un urlo di rabbia, per poi lanciarlo dall’altra parte della stanza. “Razza di stupida” mi dissi, osservando le travi del soffitto. Ma per quanto cercassi di ricordare che lui era il mio rapitore, che mi aveva portata via, lontana dalla mia famiglia, uccidendo persone a me care, il mio corpo gridava di desiderio per lui.

Tessa, si ritrova così a vivere mille avventure, anche molto pericolose, ma non sa che qualcuno la aspetta e lei è una vittima innocente del passato, deve trovare il coraggio di reagire, non è solo per la sua vita, ma per quella di tutti i suoi cari e dei regni. In una girandola di avvenimenti, perché alla nostra piccola Tessa succede di tutto, tra viaggi, combattimenti, rapimenti, imbrogli, furti, riscatti, prigioni, impiccagioni, passione, sesso e vendette, nulla le è scontato. Perché Mathis l’ha rapita? Cosa le stanno nascondendo? Basterà l’amore a vincere su tutto? Riuscirà Tessa ad avere tutto quello che vuole dalla vita, come simboleggia il suo nome?

Lorenza per la seconda volta ci circonda di avventura, dopo Marylya e le mille una notte, abbiamo Tessa e le sue onde perfette, i suoi tatuaggi, le sue particolarità, la sua voglia di libertà, non solo di espressione, ma anche di vita. Una ragazza che non insegue l’amore, ma che quando lo trova si fa travolgere, una ragazza che lascia vivere le sue emozioni e noi con lei, perché tutto è descritto minuziosamente dagli ambienti esterni a quelli interni. Le emozioni sono scandagliate fino nel profondo e Tessa diventa la nostra amica inseparabile, quella che ti racconta tutto, anche i dettagli più imbarazzanti e tu ascolti, senti. Lorenza scrive bene, molto curata e riesce sempre a tenere alto l’interesse, perché come Tessa, più leggi, più non sai cosa ti aspetta.

Buona lettura …. Scusate, volevo dire “buona avventura”.



Nessun commento:

Posta un commento