ASPETTAMI DAVANTI AL MARE di Emily Pigozzi - Recensione

lunedì 19 settembre 2016

Questa sera vi parlo di un romanzo breve che mi ha tenuto piacevolmente compagnia in una serata di qualche giorno fa. Un racconto romantico, ma anche la storia di una donna che trova la sua strada trovando l’amore. Si tratta di un racconto della collana YouFeel di Rizzoli pubblicato a luglio. Una lettura estiva ma anche adatta a questo periodo in cui il mare sta piano piano diventando un ricordo non troppo lontano.

Il mare separa, ma a volte può unire per sempre.

Aspettami davanti al mare
Titolo: Aspettami davanti al mare
Autore: Emily Pigozzi
Genere: Romance Contemporaneo
Editore: Rizzoli - Collana YouFeel
Pagine: 105
Sinossi
Lilia è una giovane giornalista milanese che ha trent’anni, mille manie e paure, una famiglia freddina e un fidanzato noioso, abituato a considerarla parte dell’arredamento. Per rivitalizzare la storia d’amore con Guido, Lilia organizza una vacanza sulle coste dell’Istria, ma non appena arrivano nella bellissima Rovigno le cose si complicano e i destini della coppia si dividono. E Lilia viene sedotta e rapita dallo sguardo magnetico di Danijel. Bello, passionale e misterioso, ma chi è davvero quell’uomo, e soprattutto chi sono i demoni che lo tormentano? Lilia riparte per Milano senza risposte, convinta di aver perso la sua occasione per essere finalmente felice. Ma c’è qualcosa che la chiama, che vuole che torni davanti a quel mare…
Tra i colori di una terra incantevole, martoriata da un passato tragico e non ancora dimenticato, Emily Pigozzi ci regala la storia struggente di due anime che si riconoscono e si comprendono, al di là di ogni ostacolo.
Recensione
«La vita ti può regalare un sacco di cose inaspettate, se ti metti nell’ordine di idee di vederle»

Spesso ci si accontenta di una vita tranquilla, delle abitudini ormai consolidate e di sentimenti rassicuranti per paura di lanciarsi verso l’ignoto, così spaventoso ma soprattutto emotivamente destabilizzante. Questo però significa rinunciare a qualcosa di meraviglioso che forse è là fuori ad aspettarci.

«Lo confesso, sono una maledetta perfezionista, sempre insicura, mai contenta, anche se vista da fuori sembro imperturbabile, o almeno ci provo. Detesto far trapelare le mie emozioni: anche da bambina, quando ricevevo un dono che mi piaceva moltissimo, restavo seria, con un’aria di sufficienza, come se non mi soddisfacesse»

Lilia è una giovane donna che apparentemente, e non solo, alquanto monotona: lavoro stabile, fidanzato ideale, cene programmate dai genitori, orari scanditi dai soliti ritmi. Lei stessa crede di essere soddisfatta di ciò che ha, influenzata probabilmente dalla sua insicurezza e dal suo essere incapace di reagire per affermare le proprie posizioni. Lilia non si è ancora resa conto di vivere la vita che tutti si aspettano lei viva, una strada prestabilita che sembra anche lei accettare.

«Insieme funzioniamo, ecco tutto. Non abbiamo il tempo né la voglia per una grande passione. Si sta bene accoccolati nel letto dopo una giornata da incubo, la nebbia di Milano da scrollarsi addosso con una doccia notturna, la cena pronta davanti alla tv e il frigo semivuoto. A dormire. E basta»

Anche il rapporto con il fidanzato di sempre , seppure si basi su rispetto e complicità non trasmette altro che certezze. Non c’è passione, non ci sono stimoli che possano infiammare una storia che sulla carta sembra perfetta, ma nel cuore molto meno.

«Sono una creatura immobile, pacifica, una piccola nave che segue la rotta che altri hanno deciso per lei. Lo trovo tremendamente rassicurante, in fondo. Ma la felicità è un’altra cosa. Non parlo della serenità, della tranquillità, ma della felicità vera, quella travolgente, che ti sconquassa l’anima. Per ottenerla devi volare, non restare ancorata al suolo come me. Peccato che quando ti leggi dentro inizi a farti domande…e be’, lì sono dolori»

Poi arriva lui, Danijel, incontrato durante una vacanza sul mare della Croazia, e le certezze di Lilia iniziano a crollare. Quegli occhi tempestosi come il mare le arrivano dentro l’anima e le fanno tremare il cuore. Sarà grazie a lui se Lilia inizierà a vedere la sua vita con altri occhi, rendendosi conto di quanto stia sacrificando sé stessa per ricoprire il ruolo di figlia, amante e lavoratrice ideale.
Per Lilia non sarà facile prendere quelle decisioni che sono necessarie a intraprendere la strada che realmente vuole percorrere, soprattutto se la persona che te ne ha dato la motivazione e che senti essere la tua metà deve affrontare l’oscurità di un passato terribile che gli ha portato via un pezzetto di anima. I demoni del passato sono sempre in agguato e Lilia non può fare altro che cercare di stare vicino a Danijel sperando che non diventino l’ostacolo che li separerebbe per sempre.

L’autrice ci racconta il percorso di una donna verso la vera sé, che passa attraverso l’unica strada che è possibile percorrere, quella del cuore. Una scrittura scorrevole e a tratti evocativa, che mette in campo argomenti reali come la guerra e la devastazione che lascia nell’anima di chi l’ha vissuta sulla propria pelle. Ci si può rispecchiare nella protagonista, una persona comune, presa dalla vita quotidiana al punto da dimenticare di coltivare una parte di sé, quella emotiva.

Una storia romantica e realistica sullo sfondo di un mare incantevole.

Commento

2 commenti: