LA RAGAZZA DAI DUE VOLTI di Kathryn Croft - Recensione

lunedì 22 agosto 2016

Altro libro che inaspettatamente mi ha conquistata. Chi mi segue sa che a volte mi piace cimentarmi con generi diversi e ho scoperto che i thriller psicologici spesso mi catturano.

Anche questa volta devo ringraziare enormemente la HarperCollins che mi sta viziando con copie di romanzi che svettano nelle mie top list; probabilmente se non fosse stato per loro non avrei mai avuto modo di leggere questo romanzo che mi ha tenuta con il fiato sospeso e sorpreso fino all’ultima pagina.

la ragazza dai due volti
Titolo: La ragazza dai due volti
Autore: Kathryn Croft
Editore: HarperCollins
Genere: Thriller Psicologico

Un thriller psicologico avvincente e incalzante per le fan de “la ragazza del treno” e “L’amore bugiardo”.
Leah Mills vive una vita da fuggitiva inseguita dal ricordo di un avvenimento terribile del suo passato. Conduce un’esistenza in disparte, sola e senza amici, finché non incontra Julian e per la prima volta intravede la possibilità di un futuro normale. Fino a quando, nel quattordicesimo anniversario di quel giorno maledetto, riceve un biglietto inquietante e misterioso. Qualcuno conosce la verità su quanto è successo. Qualcuno che non smetterà di tormentarla fino a quando non sarà riuscito a distruggere la vita che Leah si è creata. Ma Leah è davvero quella che sembra? Oppure si merita tutto ciò che le sta succedendo? Tutti hanno dei segreti. Ma alcuni sono mortali.

«Si può convivere con il senso di colpa?»

Come sfuggire a un'azione terribile e imperdonabile di cui ci si è macchiati? Come non farsi schiacciare dal senso di colpa e andare avanti? È possibile e soprattutto si merita di avere una nuova possibilità?

«Anche se la mia era più esistenza che vita, sapevo occuparmene ogni istante con qualcosa. L’inattività era veleno per me; permetteva ai pensieri di prendere il sopravvento e per fin troppo tempo avevo lasciato che ciò accadesse. Ora il mio obiettivo era quello di tenerli lontani.»

Sin da subito ci si trova di fronte a una protagonista dalla mentalità complessa, in perenne fuga da se stessa e in grado di trasmettere al lettore quel senso di angoscia e sospetto che trasuda da ogni pagina di questo libro.

«Non puoi cancellare il passato, ma puoi fare in modo che non sia lui a dettare il tuo futuro. Punirti non cambierà nulla.»

Leah a trentanni, una vita scandita da routine maniacali che le permettono di mantenere il controllo e non pensare. È questo che cerca di fare la protagonista ogni giorno, ogni attimo della sua esistenza: non pensare a ciò che ha fatto, diventare invisibile e punirsi con una vita priva di aspettative e gioie.
Lavora in una biblioteca, orari regolari, nessun amico o comunque nessuno che possa definirsi tale, un appartamento privo di mobile se non gli essenziali quasi a rispecchiare il vuoto che ha dentro, tantissimi libri dentro i quali rifugiarsi per poter vivere attraverso i protagonisti delle storie che legge.

«Almeno avevo il mio portatile: un collegamento con il mondo esterno, uno strumento su cui ero in grado di esercitare il mio controllo. Con quello potevo decidere chi far entrare nella mia vita…»

Un giorno però, a ridosso dell'anniversario dell'avvenimento che le ha sconvolto la vita, Leah si ritrova a spezzare alcune di quelle sue piccole abitudini e a cedere al desiderio di rimettersi in gioco e provare a credere di meritare una vita vera. Per curiosità inizia a navigare un sito di incontri e qui incontra e inizia a chattare con Julian; il loro rapporto evolve in fretta e dalla virtualità e la realtà il passo è breve, così Leah si trova a dover affrontare passi che per anni ha cercato di evitare scoprendo di poter di nuovo aprire il proprio cuore agli altri, trovando forse l'amore e la vera amicizia.

«Non credere che sia finita qui.»

Qualcuno nell'ombra osserva Leah e non ha alcuna intenzione di lasciare che si ricostruisca una vita. Quel qualcuno "sa ciò che ha fatto" e non vuole lasciarla impunita, cerca vendetta, ma perché? Chi è e cosa ha a che vedere con ciò che è avvenuto anni prima?

Un puzzle di emozioni in cui ogni pezzo sembra incastrarsi perfettamente all'altro per poi improvvisamente scoprire che non era quello giusto. Spiazzante e avvincente, emozionante e coinvolgente.

Questo thriller riesce a catapultare il lettore nella mente della protagonista rendendolo partecipe della sua storia, della sua angoscia e delle sue paure. Una continua altalena di sentimenti e sensazioni, in cui nessuno è come appare, tutti hanno un lato oscuro da nascondere o dal quale fuggire e a ogni pagina si scopre qualcosa di sconvolgente.

L'autrice si giostra magistralmente tra presente e passato della protagonista aggiungendo di volta in volta nuovi elementi che suscitano compassione e vicinanza in alcuni momenti, mentre in altri spiazzano e lasciano interdetti.

La narrazione mantiene un ritmo costante e sostenuto che rende la storia avvincente e tiene viva l'attenzione del lettore; la trama intessuta è ricca di rivelazioni e colpi di scena al punto che il lettore, totalmente rapito dalla storia non ha tempo per fare congetture ma segue di pari passo le scoperte della stessa protagonista.

Temi forti che affronta l'autrice: violenza, omertà, adolescenti che si trasformano in veri mostri, dalle mentalità fragili e frustrate, adulti che subiscono in silenzio. Spesso mi sono trovata davanti a comportamenti incomprensibili e altri terribili che mi hanno caricato di angoscia, rabbia e dolore.
L'autrice descrive molto bene il contesto e le scene sono vivide, tanto da poter avere la sensazione di esserne spettatori (anche se fortunatamente ci risparmia la parte più cruenta, lasciandocela comunque immaginare).

Una particolarità che mi ha colpito e che allo stesso tempo è riuscita a stupirmi è l'epilogo: ricollegandosi alla scena iniziale, quando ormai tutto sembra svelato, ecco il tassello che conclude il puzzle, una ulteriore rivelazione che mi ha lasciato con la soglia di tensione alta anche dopo aver chiuso il libro.

Se cercate un thriller dalla forte caratterizzazione psicologica dei personaggi, ben scritto e costruito, che sappia coinvolgervi emotivamente e sorprendervi con colpi di scena inaspettati sino all'ultima riga, dal quale non riuscire ad allontanarvi fino alla conclusione al punto da dimenticare qualsiasi cosa dovreste fare, allora "La ragazza dai due volti" è il vostro prossimo must-read! 



2 commenti: