ALICE FROM WONDERLAND di Alessia Coppola -Recensione

domenica 10 luglio 2016

Buona domenica, come avrete capito in questi giorni sto recuperando le ultime recensioni in sospeso, ma soprattutto sto leggendo la montagna di libri che ancora mi aspetta delle ultime uscite e di cui cercherò di parlarvi al più presto.
Oggi è il turno di entrare nel mondo di Alice e del suo paese delle meraviglie grazie ad Alessia Coppola e alla sua serie "Alice from Wonderland".

ALICE FROM WONDERLANDTitolo: Alice from Wonderland
Autore: Alessia Coppola
Serie: Alice from Wonderland #1
Editore: Dunwich
Genere: Fantasy - Young Adult
Pagine: 279
(FILEminimizer) Sinossi
Cosa accadrebbe se Alice varcasse la dimensione di Wonderland?
Quanto labile diverrebbe il confine tra lucidità e follia?
Una strega, un sortilegio e un libro sono il principio di tutto.
Alice non è più la bambina sprovveduta che vagheggiava tra labirinti di carte. È una giovane innamorata, alla ricerca della propria identità. Per trovarla viaggerà nel tempo e oltre il tangibile.
Scrittori, scienziati, circensi e matti sono i suoi compagni in uno straordinario viaggio verso una meta impossibile.
Sottomondo non è mai stato così sopra.
Che la magia abbia inizio, la tana del coniglio vi aspetta.
(FILEminimizer) Recensione

E se Alice e tutti i personaggi del Paese delle Meraviglie fossero catapultati nel mondo reale? Chi diventerebbero il Bianconiglio, il Cappellaio Matto, la Regina Rossa e tutti gli altri? Sarebbero in grado di affrontare paure ed emozioni umani o la nostalgia di quel Sottomondo in cui follia è sinonimo di libertà e magia li convincerebbe a intraprendere un viaggio di ritorno più pericoloso di quanto avrebbero potuto immaginare?

«In fondo, siamo un po' come gli alberi, noi umani: abbiamo bisogno di solide radici scavate nella terra e un cielo verso cui sollevare gli occhi. Io non avevo terra che ricordassi come la mia e non riconoscevo nemmeno quel cielo che mi sovrastava.»

Alice inizia il suo viaggio sotto una pioggia incessante, senza conoscere il suo passato o il suo presente. Ciò che sa è che nella sua mente pensieri e ricordi confusi si intrecciano facendole credere di essere folle, ma è proprio quella follia che la contraddistingue a tenerla ancorata con un filo sottile alla sua realtà. È Astrid, è Marianna, ma in fondo al cuore è sempre Alice, la bambina che vagava in un mondo fatto di fiori parlanti e personaggi bizzarri. L'Alice di questa storia è una ragazza indipendente, coraggiosa, testarda e sempre un po' matta e persa nella sua fantasia, ma è anche innamorata e sarà proprio quel sentimento a donarle di nuovo la coscienza di sé.

«Gran parte degli uomini passa il proprio tempo a negarsi possibilità, non comprendendo che la follia è l'unica occasione per sfuggire alle briglie della realtà.» 

Un cappello e un paio di occhi arrivano improvvisi nella vita di Alice. Edmund ha qualcosa che lo rende famigliare, sente tra loro legame che deve capire, se non fosse che il ragazzo sembra non perdere occasione per sfuggirle. Chi sarà? Perché nella mente di Alice riaffiorano ricordi che non sapeva di avere?

«Si chiama alchimia quella sorta di energia che vibra tra le persone. È lì, sottopelle. Attende uno sguardo o un tocco per tramutarsi in materia.»

Quando finalmente si incontrano tutto si chiarisce, ciò che era, chi sono e ciò che li lega. Ma a cercare di dividerli arriva Algar, una delle figure più carismatiche e oscure del libro che conquista con il suo amore impossibile e la sua sofferenza, nonostante le sue vili azioni.

«Ti amo come il temporale ama l'autunno. Come la neve ama l'inverno. Come l'ape ama la primavere. Ti amo in questo modo e in innumerevoli altri per i quali non trovo parole adatte.»

Edmund, Algar, chi è realmente nel cuore di Alice? Nonostante le sue certezze Alice si ritrova a fare i conti con due amori diversi, ma sempre amori, e tutto questo mentre cerca di tornare a quel mondo a cui sente di appartenere totalmente. Un mondo che sa accoglierli e accettare le loro pazzie, che non giudica e lascia liberi di essere.

«Abbi fiducia in me e nell'incorruttibile irrazionalità delle cose. Credi nell'invisibile. Il tangibile non è necessariamente reale. Chi e cosa lo stabilisce? Credi nei sogni e nella gioia che muove i nostri giorni, nell'intento di realizzarli. Credi a questo, Alice. E tutto sarà possibile.»

Con uno stile fiabesco e suggestivo che la contraddistingue, Alessia Coppola ha creato una rivisitazione straordinariamente originale che incanta il lettore. Immaginazione e follia creano un connubio che trascina in un vortice di avvenimenti e sensazioni. Colpi di scena, pericoli, amore, amicizia, senso di appartenenza e legami indistruttibili, questi gli ingredienti del romanzo capaci di coinvolgere e rendere impossibile staccarsi dalle pagine.

L'autrice ha dato carattere ai personaggi che già conoscevamo, rendendoli più umani e vicini a noi, ma allo stesso tempo mantenendone le peculiarità. Anche la scelta di utilizzare due voci narranti è sorprendentemente diversa da ciò che ci si sarebbe aspettati, ci dona la possibilità di conoscere i pensieri di un personaggio di cui altrimenti avremmo solo scorto l'aspetto peggiore. Devo ammettere che tra i due contendenti il cuore di Alice ho fatto il tifo per Edmund, nonostante la forte empatia e comprensione (forse non sempre) per Algar. Se tra i protagonisti ho preferito (ovviamente a parte Alice) Edmund, cosa dire del Bianconiglio in versione orologiaio un po' strambo? L'ho semplicemente trovato perfetto!

L'epilogo inaspettato lascia senza fiato, tutte le emozioni sono palpabili ed è come assistere alla scena.

Una storia che catapulta il lettore direttamente tra le pagine per perdersi nella fantasia, proprio come era capitato ad Alice scoprendo Wonderland.

Lascia un commento

2 commenti:

  1. Grazie per questa bellissima recensione. ^_^

    RispondiElimina
  2. Bella recensione! Mi intriga questo libro che già da un po' staziona nella mia WL! ;)

    RispondiElimina