SIGNORA DELLA MEZZANOTTE di Cassandra Clare - Recensione

mercoledì 13 aprile 2016

Finalmente ho trovato il tempo a mettere nero su bianco le mie sensazioni e la mia opinione su uno dei libri più belli che ho letto finora quest’anno (e non solo). È tornata la “sadica” Cassandra Clare con i suoi Shadowhunters e l’ha fatto in grande stile, con una storia e dei protagonisti ancora una volta unici e da batticuore in ogni senso.

“Signora della Mezzanotte” [Lady Midnight] fa parte della nuova serie ambientata in questo mondo “The Dark Artifices” che sarà composta da tre volumi:

- Signora della Mezzanotte
- Lord of Shadows
- The Qeen of Air and Darkness

Ora è inutile dirvi che da qui al 2016 cercherò ovunque spoiler e snippet sul seguito, perché sappiatelo, Cassandra Clare crea dipendenza!

NB: Se non avete letto le serie precedenti [The Mortal Instruments - The Infernal Devices] vi consiglio di farlo prima di passare a questo libro per comprendere meglio il mondo in cui state per essere catapultati e anche per seguire le vicende dei protagonisti in linea temporale.

SIGNORA DELLA MEZZANOTTE

Titolo: Signora della Mezzanotte
Titolo originale: Lady Midnight
Serie: The Dark Artifices #1
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori


Cinque anni fa, i genitori della Shadowhunter Emma Carstairs sono stati brutalmente uccisi. E lei non ha mai smesso di cercare l'assassino. Emma deve imparare a fidarsi del suo cuore e della sua intelligenza mentre lei e il suo parabatai, Julian Blackthorn, si trovano invischiati in un complotto demoniaco che si ramifica per tutta Los Angeles. Se solo il suo cuore non la spingesse continuamente verso le strade più buie, e insidiose..

(FILEminimizer) Recensione

È il momento di entrare nelle vite di Emma, Julian e la famiglia Blackthorn che avevamo già incontrate nell’ultimo volume della serie The Mortal Instrument. Cinque anni dopo gli avvenimenti descritti in “Città del fuoco celeste” Emma è pronta a cercare la sua vendetta con Julian al suo fianco. Riuscirà nell' obiettivo?

Preparatevi a un’altalena di emozioni, perché l’autrice non si smentisce nemmeno questa volta facendoci innamorare di tutti i personaggi per poi strapparci il sogno e lasciarci a bocca asciutta…fino al prossimo capitolo!

La Clare ha una scrittura che cattura, incalzante e al tempo stesso piena di emozioni. È capace di caratterizzare in maniera straordinaria i personaggi: difetti, pregi, emozioni sono tutti sviscerati e mostrati al lettore senza celare nulla, al punto da riuscire “quasi” ad affezionarci anche al cattivo della situazione.

«A volte era come se lei fosse un aquilone, e Julian la persona che lo faceva volare: lei saliva su su nel cielo, e lui la teneva ancorata a terra. Senza Julian, si sarebbe persa fra le nuvole.»

Emma Carstairs è una giovane Shadowhunter che ha votato la sua vita alla vendetta e alla ricerca di colui che ha ucciso i suoi genitori. Emma è testarda, indipendente, forte, un’abile Shadowhunter, la migliore di tutti e non esita ad “aggirare” le regole del suo mondo per ottenere i suoi scopi. È onesta e leale nei confronti di chi ama, con un carattere brioso e irriverente.

«[...] Però almeno era da solo con Emma, l'unica a cui potesse mostrarli. Emma, l'unica persona nella sua vita a non avere bisogno delle sue cure. L'unica di fronte a cui non doveva per forza mostrarsi perfetto o perfettamente forte.»

Julian Blackthorn è il parabatai di Emma (qui purtroppo non vi posso spiegare nulla se non avete letto i libri di Cassandra, vi posso solo dire che indica un legame fortissimo e indissolubile). Julian, come Emma è dovuto crescere in fretta, ha sofferto della perdita di componenti importanti della sua famiglia e ha dovuto prendere su di sé la responsabilità di crescere i quattro fratelli più piccoli, e il suo senso del dovere e il senso di responsabilità lo portano a farlo in maniera totale, al punto di non essere quasi più un fratello, quanto piuttosto un padre per quei ragazzi. Julian dedica la sua vita ai fratelli spesso soffocando i suoi desideri, solo con Emma è libero di essere se stesso e di non doversi preoccupare per lei. Non è solo uno Shadowhunter,, ma ha un animo più delicato, dolce, affettuoso, ricco di sentimenti che si lascia libero di esprimere solo attraverso i quadri che dipinge e nei quali riversa tutto se stesso e i suoi sentimenti.

Il rapporto tra Emma e Julian è qualcosa di straordinario e struggente, un crescendo di emozioni e sensazioni, non si può fare a meno di rimanerne incantati e coinvolti. L’affetto sincero, il loro essere tutto l’una per l’altro, sono come due metà che unite formano un intero ricco di sfumature e colori, ma che allo stesso tempo potrebbero distruggersi.

Se il legame tra Emma e Julian è quello che fa da filo conduttore nel libro, Cassandra Clare di sicuro non si limita a questo, creando personaggi ricchi e pieni di sfaccettature.

Non si può non rimanere affascinati e affezionarsi ai membri della famiglia Blackthorn, ognuno con un suo modo di essere e le sue peculiarità. Non posso parlarvi di tutti i personaggi che incontrerete, perché diventerebbe una recensione di pagine intere, mi soffermo solo per dire qualche parola riguardo ad alcuni di loro.

«Siamo simili, tu e io. La tempesta chiama anche te come fa con me, vero? L’ho visto prima, nei tuoi occhi: volevi essere là fuori. Correre sulla spiaggia, forse, con i fulmini che si abbattono al suolo.»

Mark, il fratello maggiore di Julian che era stato rapito dalle “Fate” e costretto a combattere nella “Caccia selvaggia” per anni torna, ma non è più lui, combattuto tra quel mondo in cui ha imparato a vivere e amare e la sua famiglia ritrovata il cui pensiero è stata l’unica cosa a tenerlo in vita per lungo tempo. Selvaggio e libero, ma anche con una tremenda paura di deludere chi crede in lui.

Kieran, l’ambigua fata che ha un legame molto stretto con Mark, si si trova diviso tra la sua natura e quel sentimento così forte.

Malcom Fade, il sommo stregone goffo e divertente che saprà farvi sorridere in molte situazioni.

E poi tanti altri, ma come ho detto non posso parlare di tutti, sappiate solo che ognuno ha un ruolo fondamentale e succede spesso che siano messi sullo stesso piano dei protagonisti. Cassandra Clare parla di affetto famigliare, amicizia profonda, amore in ogni sua sfumatura, desiderio di vendetta, dolore, perdita.

È un’escalation di avvenimenti e sentimenti, dalla quale il lettore non può fare altro che lasciarsi travolgere assieme ai protagonisti, sospirando con loro, sperando e poi soffrendo per qualcosa che a un certo punto si sa dovrà accadere ma alla quale il nostro cuore non vuole arrendersi.

Un epilogo epico e ambiguo che lascia sulle spine, con un grande interrogativo, suspense e una botta al cuore (in puro stile Cassandra Clare!).

Ora non mi resta che attendere e sperare che l’autrice, così brava a non perdere mai le fila di ogni particolare, regola e avvenimento del mondo che ha creato, ci riservi la soluzione sperata tirandola fuori proprio da quelle leggi a cui gli Shadowhunters sono tanto legati, perché come è scritto:

«LEX MALA, LEX NULLA»

Quindi Cassandra, vedi di fare qualcosa in tal senso!




2 commenti:

  1. ... ahahah, e' nato un grande amore, eh..? Mi ricorda quando leggo un bel giallo e comincio a cercare ovunque notizie sui seguiti e l'autore perche' mi ha preso da morire XD Cambia il genere ma la reazione all'innamoramento e' la stessa :D

    RispondiElimina
  2. Sono ancora una novellina della serie... Ma capisco perfettamente cosa intendi quando parli dei colpi al cuore che regala la Clare
    Un bacione

    RispondiElimina