SENSUALE & SEDUCENTE di Christina Lauren - Recensione

giovedì 31 marzo 2016

Oggi la mia opinione è su un romance per adulti, quindi ovviamente sapevo più o meno cosa aspettarmi e conoscevo già le autrici per l’altra serie che hanno scritto (Beautiful Bastard).

La mia speranza era di trovare qualcosa che si avvicinasse più al terzo della precedente serie, con personaggi i cui sentimenti sono maggiormente presenti rispetto alla parte erotica e devo dire che sono stata accontentata, anzi mi sono davvero positivamente stupita.

Anche in questo caso siamo al terzo della serie “Wild Seasons” ma, a parte qualche riferimento ad altri personaggi si può tranquillamente leggere come stand-alone, io l’ho fatto!


SENSUALE E SEDUCENTE
Titolo: Sensuale & Seducente
Serie: Wild Seasons #3
Autore: Christina Lauren
Editore: Leggereditore
Genere: Romance per adulti

Sinossi
Lola e Oliver sono certi che se avessero consumato il loro matrimonio, quella notte a Las Vegas, completamente ubriachi, se ne sarebbero pentiti amaramente. Sarebbe stato un grosso errore, certo, dopotutto ora la loro amicizia va a gonfie vele... Già, questo almeno è quello che amano raccontarsi.
In realtà Lola ha desiderato Oliver fin dal primo momento, è innamorata pazza del suo accento australiano e del suo modo così naturale di farla sentire bene. Oliver, da parte sua, non riesce a non pensare a quanto sarebbe stato bello commettere l’errore che quella notte hanno deciso di evitare. Lui sa cosa vuole da lei, più di ogni altra cosa, e non è la sua amicizia. Quando il libro che Lola ha scritto conosce un successo travolgente, Oliver capisce che è l’occasione giusta per starle vicino e proteggerla da tutte le attenzioni che la circondano e la mettono a disagio.
Chissà, forse questa volta aver fatto la cosa giusta non è stata la scelta migliore, perché anche una notte di divertimento sfrenato può essere l’inizio di una nuova ed emozionante vita...
Recensione

Essere abbandonati in giovane età da chi ti dovrebbe amare al di sopra di tutto causa immancabilmente dei traumi che spesso, senza nemmeno ce ne si renda conto diventano paure e convinzioni profondamente radicate in se stessi. I modi per affrontarli sono diversi e la protagonista di questo romanzo sceglie di scappare, rifugiandosi in un mondo fatto di carta, cercando di evitare coinvolgimenti emotivi per il suo timore di essere abbandonata o di rovinare tutto.


«Lola è molto ambiziosa e l’unica cosa che la frena dal conquistare l’intero pianeta è quanto detesti dover lasciare il suo cantuccio creativo per esporsi al giudizio del pubblico.»

Lola ha un’unica immensa passione a cui si dedica anima e corpo: disegnare fumetti. Attraverso le storie che crea esprime se stessa, i suo sentimenti, la sua vita. Lola ama starsene rintanata nella sua casa a creare, si sente al sicuro. Quando il personaggio che ha creato ha un tale successo da essere opzionato per la realizzazione di un film, per Lola inizia un periodo fatto di viaggi, imprevisti, interviste…tutto sembra sfuggirle di mano, e lei è sì determinata e ambiziosa, capace di lottare per ciò che vuole realmente, ma ama mantenere il controllo, si sente spesso schiacciata da questo stress continuo che le fa mancare l’aria, la sua mente sembra annebbiarsi al punto da deconcentrarsi, commettere gaffe, errori e doversi chiudere nel suo mondo per poter riprendere le redini della propria vita. In tutto questo ci si mette anche l’amore, che arriva nel momento forse meno adatto e rischia di diventare talmente importante da farle perdere di vista il suo sogno, ciò per cui ha sempre lavorato. Molti aspetti di questa protagonista mi sono piaciuti, soprattutto ciò che la rende vera: la simpatia, la sua verve, il suo “pensare a fumetti”, e anche i suoi momenti di timidezza e insicurezza. Ciò con cui non mi sono trovata totalmente in sintonia sono alcune delle sue reazioni e delle sue motivazioni, anche se ne ho compreso le origini.

«Non sono mai stato la persona più importante per qualcuno. Ma prima di incontrare Lola, non ne avevo nemmeno bisogno.»

Oliver è il personaggio maschile ideale che non ho potuto fare a meno di amare. Nerd ma affascinante, simpatico, affabile, con un mix fantastico di fedeltà, dolcezza e passione. L’amore che prova per Lola è lampante, a tutti meno che a lei, e la comprende al punto da avere la pazienza necessaria per attendere i suoi tempi, senza affrettarli, per dare spazio a quei sentimenti che entrambi provano e hanno tenuto nascosti dietro la loro amicizia.

«Non lo abbiamo mai fatto. Facciamo battute e usiamo il sarcasmo per fare ridere l’altro, ma non diamo un nome a quello che proviamo.»

L' amicizia. È questo l’aspetto del romanzo che mi ha realmente coinvolto. Insieme sono davvero fantastici: complici, scherzosi, affettuosi, sempre pronti a comprendersi e sostenersi, semplici. Tra di loro non servono parole, sembra esserci un linguaggio segreto attraverso il quale si parlano. Li ho veramente amati insieme, e ho apprezzato questa amicizia nata con un incontro particolare, che si trasforma in un sentimento forte senza fretta, con attenzione e timore di rovinarla, ma anche con il desiderio di trovarsi l’un l’altra in un modo più profondo.

L’epilogo è davvero romantico e dolce, senza essere stucchevole. L’unico particolare che avrei evitato è l’intermezzo erotico che a mio parere non aggiunge nulla a un momento già perfetto così com’è.

Le autrici usano il doppio punto di vista alternato, quindi il lettore conosce i pensieri di entrambi i protagonisti, permettendogli di assaporarne sentimenti e sensazioni e conoscendoli nelle loro varie sfaccettature caratteriali. Anche gli altri personaggi sono ben caratterizzati. La narrazione è scorrevole e veloce, mantiene un ritmo costante e sono stata in grado di leggerlo in una serata. Si tratta di un romanzo per adulti, quindi è ovvio che le scene erotiche siano presenti e in maniera esplicita, anche se in realtà si limitano a due/tre occasioni lasciando molto più spazio al rapporto affettivo tra i due personaggi. Proprio per questa centralità dei sentimenti avrei preferito che le autrici in due o tre occasioni utilizzassero definizioni o frasi meno esplicite e più allusive per trasmettere l'intimità fisica, perché in questo romanzo c'è molto di più dell'erotismo fine a se stesso: ci sono amore, affetto e tenerezza.

Se vi piace il genere è sicuramente una lettura da fare, soprattutto perché alla base ci sono sentimenti concreti e credibili, e due personaggi realistici e normali.




1 commento:

  1. Questa serie di Cristina Lauren non l'ho ancora letta, però me la segno ;-)

    RispondiElimina