La canzone della settimana #9

domenica 6 marzo 2016

Buona domenica! La giornata parte con il consueto appuntamento della rubrica “La canzone della settimana”.

Oggi ho scelto una canzone che ho sentito spesso in questi ultimi giorni, molto adatta alla festa della donna che arriva martedì ma che comunque in generale parla di affrontare le proprie paure, di smettere di fuggire da qualcosa o qualcuno che ci spaventa prendendo consapevolezza di noi stessi. Questa canzone mi lascia carica e mi fa sentire più “combattiva” ogni volta che la sento, mi fa ricordare che, anche se spesso è più difficile affrontare le proprie paure alla fine è l’unico reale modo per sconfiggerle, fuggire le fa solo “vincere”.

Quindi ecco qua che vi lascio con “Io di te non ho paura” di Emma Marrone di cui, come sempre trovate il video da ascoltare sulla playlist del blog.

Io di te non ho paura - Video


Prima di riportarvi il testo  vi lascio il brano di un’intervista di Emma in cui parla proprio di questa canzone:

«L’istinto di sopravvivenza ci porta a scappare da qualcosa o qualcuno che ci fa paura – spiega Emma – Scappiamo perché temiamo di non avere il coraggio e di non essere abbastanza forti per restare e affrontare i nostri “demoni”. Questa è una storia di presa di coscienza di se stessi dove la voglia di liberarsi dalle oppressioni e dalle prigioni dell’anima diventa più forte di tutto. Non avere più vergogna di farsi aiutare, vivere, respirare…»

E ora il testo. Buon ascolto!

Tu di me hai questo tempo,
io di te ancora non lo so
Tu di me hai la voglia di cadere,
io di te il mare in un cortile
Io di te non riuscirei mai a liberarmi
Tu di me non riesci a fare a meno e non ne parli
Io di te mi sono innamorata che era aprile
Tu di me hai notato qualche cosa che era già Natale
Io di te conosco appena le tue convinzioni
Tu di me non sai che ti ritrovo in tutte le canzoni
Io di te vorrei sapere in cosa sai mentire
Tu di me non avrai mai segreti da scoprire

Io di te non ho paura
E tu di noi che cosa vuoi sapere ancora
Che di te io non ho paura ma tu
di noi che cosa vuoi sapere ancora
Tu di noi che cosa vuoi sapere ancora

Tu di me hai queste spalle, io di te ho la tua schiena
Io di te ho tramonti di città che non ci vedono
Tu di me cancelli quegli orari che non servono
Tu di me hai le passeggiate lunghe che sanno d’estate
Io di te una foto da bambino in cui non sei tuo padre
Tu di me un biglietto per il treno e le mie coordinate
Io di te proteggo i sogni veri e se vuoi rimanere

Io di te non ho paura
E tu di noi che cosa vuoi sapere ancora
Che di te io non ho paura ma tu
di noi che cosa vuoi sapere ancora
Tu di noi che cosa vuoi sapere ancora

Io di te non ho paura
Io di te, tu di me
Io di te, tu di me
Io di te
Io di te non ho paura
E tu di noi che cosa vuoi sapere ancora
Che di te io non ho paura ma tu
di noi che cosa vuoi sapere ancora
Tu di noi che cosa vuoi sapere ancora.




1 commento: