Guest Post: QUESTIONE DI GUSTO di Fleur Du Mar - Recensione

domenica 14 febbraio 2016

Eccoci qui arrivati alla recensione ospite del blog. Questa volta Patty ha voluto raccontarci un romance in cui i gusti sono protagonisti e i 5 sensi galeotti, e mi ha talmente convinto che io l’ho già acquistato, quindi grazie di nuovo, ti saprò dire ;)

Questine di gusto

Titolo: Questine di gusto
Autore: Fleur Du Mar
Genere: Romance
Sinossi:
I protagonisti di questo romanzo sono Erik e Laura, due persone che in comune hanno solo un appartamento nello stesso elegante palazzo.
Erik vive al 6° piano, è uno scanzonato fotografo che ha avuto per casa il mondo ed è abituato ad "assaggiare la vita" usando tutti e cinque i sensi.
Laura vive al 5° piano, è una donna in carriera, sessualmente frustrata, vegana dalla nascita per scelta materna, che vive tra ansiolitici e attacchi di panico.
Complice un blocco in ascensore i due s’incontrano e si scontrano, visti gli stili di vita decisamente opposti. Erik, scandalizzato all'idea che qualcuno dalla nascita non abbia mai provato cibi basilari come la carne, il pesce o le uova, proporrà a Laura di assaggiarli virtualmente, ascoltando la descrizione che ne farà lui. Nessuno dei due immagina che questi sette assaggi prenderanno una piega ben diversa, andando al di là del cibo. Le loro anime verranno messe a nudo, entrambi finiranno per affrontare le loro paure e per scoprire qualcosa di più su loro stessi e sui loro desideri.
Sette cibi... sette assaggi... un unico filo conduttore... il Gusto.

Recensione

«Erik, in realtà, voleva condurmi per mano nell’angolino buio del mio animo, aveva capito che il mio rifiuto del cibo era legato anche al mio rifiuto del sesso. Rifiutavo certi cibi, come rifiutavo certi uomini, e lo facevo a priori, senza averne conoscenza diretta».

Lei: Laura, una ragazza di trent'anni rigida, fredda, controllata, asessuata, con diverse manie e fobie, tanto che prende ansiolitici e altre pastiglie per far fronte ai suoi attacchi di panico. Maniaca del controllo, anche delle sue emozioni, non si lascia mai andare, deve avere tutto sotto controllo e nessun fuori programma è ammesso. E' vegana e ha un pessimo rapporto col cibo, è minuta e magrissima, ha dei bellissimi capelli rossi che la fanno impazzire, perché non riesce a domarli, come vorrebbe. Non ha una vita sociale, ha solo un'amica e un fidanzato, noioso e senza carisma. Tutto il suo mondo, fatto di purezza e ordine, crollerà con l'incontro con lui, Erik.

Lui: Erik un uomo, ma fondamentalmente un ragazzone che è l'opposto di Laura, ha vissuto un'infanzia, fuori dagli schemi, girando il mondo coi genitori e senza un'adeguata istruzione, vive la sua vita alla giornata, affrontando tutto con la massima energia ed emozione. Dice apertamente quello che pensa e non nasconde le sue emozioni, non si vergogna e cerca di vivere la sua vita cogliendo tutto quello che gli può dare a 360°. Quando conosce Laura inizia la sua crociata per farle capire che gusto hanno i cibi, che lei si nega, la prende per mano e la guida verso il gusto e alla riscoperta dei 5 sensi, mette a nudo la sua anima e scava nel profondo del suo malessere, mettendola davanti alla consapevolezza che la vita va affrontata in modo diverso.

La mia opinione:

E' un libro che va assaggiato, come la sua storia tra i due protagonisti. Fin dal loro primo incontro rimani colpita da loro, sono diversi, opposti, anche fisicamente, lei minuta, lui un gigante; lei fredda e rigida, lui un vulcano di emozioni. La storia ti prende, soprattutto quando inizia questo gioco di assaggi; ammetto che mi aspettavo dei piatti da far invidia ai migliori chef, invece gli assaggi che propone Erik sono di cibi semplici, alla base dell'alimentazione, ma anche della vita, come lui stesso spiega. L'autrice scrive molto bene e riesce a coinvolgerti, è molto abile nelle descrizioni, tanto da trasmettere ogni sensazione sulla tua pelle e senza volerlo senti anche tu i gusti dei cibi e le emozioni, come i protagonisti. Ci sono molte frasi di vita che potrebbero benissimo essere applicate alla vita di tutti i giorni. Fleur Du Mar riesce a tenere l'attenzione del lettore, la sua scrittura non è mai noiosa, ma fluida; la storia è gestista con maestria, in un crescendo di emozioni e sensazioni. Ti sembra di vedere una commedia, in quanto ci sono delle scene molto divertenti, come il loro primo incontro in ascensore; ad ogni modo ogni lettore può interpretare in modo diverso questo libro , chi lo trova romantico, chi erotico, chi esistenziale....mi sembra il caso di dirlo , ad ognuno il suo gusto. A questo punto non vi rimane che leggerlo e scoprire. Buona Lettura.

Vorrei aggiungere una cosa, questa è la prima recensione che ho scritto e ci tenevo a presentarla a Deb e alle fan del suo blog. So che l'autrice ha deciso di non pubblicare altro e secondo me è un vero peccato, perché è riuscita a creare una storia originale, un po' fuori dai soliti schemi ed è una caratteristica che mi piace.

Patty



2 commenti: