CHARILLYON di Violet Nightfall - Recensione

mercoledì 15 luglio 2015


Eccomi con una nuova recensione, uno dei nuovi libri di Violet Nightfall. Avevo già letto il suo Agatha. L’amore che non muore rimanendone colpita e per certi aspetti sorpresa.
Anche questa volta è stato un vero piacere leggere qualcosa di quest’autrice (che ringrazio per l’opportunità).

CAHRILLYON (FILEminimizer)
Titolo: Charillyon
Autore: Violet Nightfall
Autoconclusivo
Editore: Self Publishing
Genere: Fable Romance
Pagine: 100
Amazon
Sinossi

"Nella mia prigione sento il ticchettare umido di un acquazzone, l’alito gelido del vento roborante tra le frasche e le mura del castello, lo scalpiccio delle guardie che si danno il cambio e lo scricchiolio delle assi di legno sotto il mio peso. Il mio mondo – ormai da mesi – si riduce a questo: a suoni e rumori, sensazioni, odori e null’altro.

Stesa sul pavimento, allungo le mani verso il vuoto, saggiando l’umidità dell’aria con i polpastrelli. Vorrei poter uscire di qui, cercare di capire a che punto Lui sia arrivato, poter soppesare il danno che ha arrecato al mio Regno.

E vorrei poter essere libera… ancora una volta."
Armònia aveva una vita perfetta, un amore perfetto, un Lieto Fine perfetto. Ma come in tutte le fiabe, c'è sempre qualcuno disposto a infrangere i sogni del prossimo pur di realizzare i propri. Depredata della dignità, della speranza e della luce, Armònia continua comunque a combattere nella sua disperata prigionia. Ma poi il Fato giunge in suo soccorso e aggrapparsi a quella mano non è mai stato più difficile e desiderato al tempo stesso.
In un alternarsi di presente e passato ripercorriamo la storia di Armònia, immergendoci nel mondo incantato di Charillyon; una fiaba romance tutta da scoprire... profonda, appassionata e tormentata
La mia opinione

Una fiaba romantica dai toni drammatici in un'alternanza tra bene e male, passato e presente che trasmette la speranza di una sempre possibile rinascita. Il racconto di una presa di coscienza del mondo reale con le sue brutture e le sue malvagità, ma anche con nuove possibilità, nuovi sentimenti che possono nascere dalla cenere e dalla devastazione.

“ – Mi permettete di creare il mio Lieto Fine con voi? – domandò infine Allegretto.
Serrai le labbra, commossa e stupita. Nel mio petto si era appena scatenata una festa e cuore e polmoni si davano manforte nel farmi rimanere senza ossigeno nel minor tempo possibile. L’euforia si sprigionò dallo stomaco verso l’alto, volando sulle ali delle farfalle appena risvegliate.”

Armònia è la principessa del regno incantato di Charillyon. Una ragazza di animo puro, ingenua, che ama la vita e non fa differenze di rango sociale. La sua famiglia è per lei il punto di riferimento, il suo regno un luogo magico e accogliente.

A rendere tutto perfetto arriva anche l'amore, Allegretto. Lui è il primo, quello non si potrà mai dimenticare, che ti fa battere il cuore con la sua sola vicinanza, palpitare per un lieve tocco, bramare un bacio catturato di nascosto. Allegretto non appartiene alla nobiltà, ma è nobile d'animo, protettivo, rispettoso e la ama molto. La vita di questi due giovani sembra destinata a un futuro radioso, fino a quando la favola non si scontra con una realtà devastante. 
Il seme della gelosia e della follia, uniti alla brama di potere si impossessano di qualcuno a lei molto vicino e la sua vita si trasforma in un incubo dei più terribili.

Armònia si ritrova a subire orrori indicibili, dolori insopportabili che spezzerebbero l'anima di chiunque e lo lascerebbero senza alcuna speranza. Ma lei è tosta, nonostante tutto non smette di combattere e opporsi a quello che sembra essere il suo destino, e finalmente qualcosa accade a cambiarne le sorti.

Fughe, violenza, battaglie, cedimenti, ma anche amore, dolcezza e speranza sono i sentimenti che affiorano dalle pagine di questo racconto che si legge d'un fiato, in un'altalena di avvenimenti e sentimenti contrastanti, fino all'epilogo che lascia per un attimo senza fiato. L'autrice sceglie di partire dal presente, dal momento che sembra il più buio per la protagonista e raccontare la sua storia attraverso flashback che lentamente ci spiegano perché si trovi in quelle circostanze.

La scrittura è scorrevole e i passaggi temporali chiari e non creano confusione. Ho riconosciuto l'autrice in questo lavoro, capace di inserire attimi di romanticismo in un contesto così drammatico senza farli stonare. Forse la brevità della storia non permette di sviluppare alcuni passaggi, come ad esempio i cambiamenti che avvengono nella protagonista e nei suoi sentimenti che mi sono apparsi un po' affrettati e avrebbero meritato uno sviluppo maggiore. A parte questo la lettura è stata piacevole e mi ha catturato.

Una favola, ma come tale anche una rappresentazione della realtà: bene e male, luce e buio, bellezza e orrore; tutto si può affrontare e sconfiggere senza arrendersi e continuando a sperare.


La mia valutazione:    CUORECUORECUORECUORE


5 commenti:

  1. Allegretto? ;) mi piacciono le fiabe, di solito leggo quelle romantiche e amo poco la violenza ma mi hai incuriosita... mi hai convinta con la frase "...racconto che si legge d'un fiato, in un'altalena di avvenimenti e sentimenti contrastanti, fino all'epilogo che lascia per un attimo senza fiato. " :)

    RispondiElimina
  2. Copertina stupenda, ho gli occhi a cuore!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie infinite per questa splendida recensione <3
    PS: sono Violet XD

    RispondiElimina
  4. Assolutamente non scontato, non avrei mai detto cosa si nasconde tra le righe del libro, mi piace questa chiave musicale e mi viene da pensare che non sia fatto a caso.Bello

    RispondiElimina