ORGANIZZARE UNA PRESENTAZIONE LETTERARIA di Sonia Vela

venerdì 5 giugno 2015

Eccoci qui a riprendere le attività del blog dopo uno stacco forzato dovuto a problemi di biscotti...no tranquilli non ho fatto indigestione, semplicemente ( si fa per dire) le nuove normative in fatto di privacy hanno obbligato un po' tutti noi blogger a complicate modifiche a livello di programmazione che ci hanno letteralmente fatto incendiare il cervello.
Ma ora cerchiamo di tornare a quello che amiamo, libri e autori. E oggi la rubrica  Pensieri d'Autore (QUI i dettagli) ospita un' esordiente che a mio parere ha creato una storia fantastica (spero a breve di pubblicare la recensione del suo libro). Sto parlando di  Sonia Vela che per la rubrica tratta un argomento sicuramente utile ai colleghi scrittori ma che aiuta anche noi lettori  a comprendere quanto lavoro ci sia dietro alla pubblicazione di un libro.
E allora se siete curiosi ecco qua Sonia, che ringrazio, raccontarci dell'organizzazione di una presentazione letteraria, mostrandoci qualcosa dell'ultima presentazione che ha tenuto a Casalecchio di Reno poco tempo fa per il suo Notte di Luna.
11229613_10204387351898996_907000920_o (FILEminimizer)


Cari lettori, sono Sonia Vela e come potete immaginare dal titolo dell' articolo proposto per la rubrica "Pensieri d'autore" sono una scrittrice. Ebbene sì, ho fatto l' ardua scelta di catapultarmi nell' universo dei miei sogni e aggrapparmi alla mia passione più grande per trasformarla nel mio lavoro!  

E di vero lavoro si tratta considerando che l' auto-promozione è uno dei punti chiave per riuscire ad emergere dal marasma di parole scritte che invade fortunatamente librerie virtuali e di mattoni.
Alla mia prima presentazione letteraria durante la quale si parlava di "Notte di luna" il mio romanzo noir d'esordio, la cortese e disponibile libraia mi confidò che per affermarsi quali scrittori è necessario puntare su numerose presentazioni delle proprie opere.. unico modo, a suo parere, per farsi conoscere e apprezzare.

Obiettivamente, le modalità per auto-promuoversi sono davvero tante, ma di sicuro le presentazioni letterarie sono un ottimo trampolino di lancio.
Il punto è che il pubblico non cade dalle nubi, bisogna inseguirlo, scovarlo, rintracciarlo. È necessario beccare il giusto target e raccogliere un buon numero di adesioni affinché non ci si trovi mai nella malaugurata situazione di avere davanti a sé una platea fantasma.

11253980_10204387352419009_1268844115_o (FILEminimizer)E non parliamo della PRIMA presentazione dove accorrono amici parenti colleghi e conoscenti, parliamo di tutte le altre alle quali una cospicua affluenza è tutt'altro che scontata.
Dalle successive presentazioni, infatti, amici e parenti non sono più in dovere di farvi il seguito e bisogna fare il possibile per coinvolgere gli ESTRANEI!

Di seguito, qualche suggerimento per far sì che ciò possa avvenire e che lo scrittore abbia quantomeno l' opportunità di offrire i propri messaggi a un pubblico di potenziali lettori:
1) scegliere un locale, non necessariamente una libreria, che possa accogliere un certo numero di persone (tale numero corrisponderà al numero di persone che avremo l'obiettivo di coinvolgere) ;
2) concordare con i responsabili del locale giorno orario e durata approssimativa dell' evento ;
3) accertarsi che i responsabili del locale diffondano la notizia dell' evento quando possibile (esempio : invio locandina a una mailing list);
4) preparare un comunicato stampa che risponda brevemente alle 5 w per annunciare l' evento alle redazioni dei free press e dei quotidiani locali;
5) preparare delle locandine da affiggere presso centri sociali e luoghi di promozione e diffusione culturale;
6) utilizzare il passaparola senza perdere occasione di informare il maggiore numero di potenziali interessati ;
7) preparare una propria mailing list per diffondere la locandina anche ai propri contatti ;
8) sfruttare i social network per diffondere la notizia e raccogliere adesioni (ad esempio tramite la creazione di un evento Facebook) ;
9) evitare di farsi illusioni: non tutti gli sforzi vengono ripagati e non sempre la platea si riempie, ma tentar non nuoce e , se non altro, un po' di pubblicità sarà stata comunque fatta;
10) trovate un buon moderatore che vi faccia da spalla per l' evento interagendo e cogliendo i punti focali della presentazione, aiutandovi laddove vi sfugga ad esempio un argomento chiave che volevate discutere;
11) fate in modo che vi sia sempre qualcuno pronto a scattare foto e registrare il video dell' evento così da poterlo diffondere in rete.

Potrei dilungarmi oltre, ma gli elenchi alla lunga stancano! Posso solo aggiungere che durante l' ultima presentazione di "Notte di luna" per seguire questa scaletta di suggerimenti derivante da esperienze pregresse sono riuscita a ottenere la segnalazione dell' evento sulla rivista mensile del Comune dove la presentazione si è svolta, su Il Resto del Carlino, ho preparato dei volantini che ho distribuito direttamente e ho anche fatto distribuire da amici e parenti in giro qua e là, ho preparato una locandina da far affiggere agli esercizi commerciali di fiducia e così il 6 maggio ultimo scorso ho potuto tenere la mia presentazione presso la Sala Seminari della biblioteca comunale di Casalecchio di Reno.

Ogni presentazione ha i suoi retroscena, i suoi risvolti e le sue sfaccettature e ognuna regala emozioni differenti e sempre nuove. In bocca al lupo ai coraggiosi scrittori che hanno intrapreso il mio stesso viaggio!

Vi lascio con qualche foto e con i link ai video della presentazione di cui vi ho accennato per far sì che possiate tradurre in immagini la mia umile testimonianza! 

11231988_10204387352499011_1964600080_o (FILEminimizer) 





Grazie a tutti i lettori che abbracceranno il mio progetto di vita acquistando "Notte di luna ", un noir su streghe, misteri, fantasmi del passato, intrighi di famiglia e indagini da seguire. 
Un romanzo che rappresenta il dispiegarsi della propria identità e la liberazione dagli schemi sociali e culturali. 

Grazie infine a Deb la cara blogger che ha ideato la presente rubrica per dar spazio ai nostri pensieri d'autore!

Sonia
11263824_10204387351298981_974323005_n (FILEminimizer)


Sonia Vela è nata a Napoli nel 1985.
Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, vive e lavora a Bologna, dove si diletta nella scrittura dei suoi romanzi.

Libri pubblicati:
- Notte di Luna  [’La mia recensione CartaceoEbook]




Ringrazio ancora Sonia per il contributo alla rubrica e vi invito a leggere il suo libro che ho trovato molto coinvolgente. Se volete comunque saperne di più vi ricordo che è in corso un Blogtour con tappa ogni 15 del mese su vari blog (QUI trovate i dettagli).

VI RICORDO CHE COMMENTARE QUESTO POST VI DA' DIRITTO AD ACCUMULARE 2 PUNTI PER IL LETTORE DEL MESE - SE VOLETE PARTECIPARE ISCRIVETEVI QUI

16 commenti:

  1. Articolo molto interessante e soprattutto utile. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Suggerimenti utilissimi! In bocca al lupo per Notte di Luna

    RispondiElimina
  3. Articolo davvero interessante, non solo per gli scrittori ma anche per chi legge e prende parte a questo tipo di evento! Complimenti per la bella idea di questa rubrica Deb, un bacio :)

    RispondiElimina
  4. non amo le presentazioni ma lo trovo molto interessante! seguirò gli spunti nel caso dovessi farne una ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco, se dovessi parlare in pubblico penso che mi verrebbe un panico terribile!!

      Elimina
  5. Grazie ancora Deb per l' ospitalità sul blog che è praticamente magnifico e per gli apprezzamenti su Notte di luna che mi rendono entusiasta e felice..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo Notte di Luna è stata una sorpresa stupenda! :)

      Elimina
  6. Divulgherò con piacere questo bellissimo articolo, decisamente utile. ^_^
    Quanto a Sonia, il suo libro è decisamente splendido!

    RispondiElimina
  7. Molto interessante! Mi servirà sicuramente per le prossime presentazioni. .. Grazie mille a Sonia Vela e Deb! ! ! 😄 😄 😄

    RispondiElimina
  8. Ho fatto diverse presentazioni anche io. Senza dubbio la questione più difficile è quella di coinvolgere, non sempre la gente partecipa, si legge poco e le presentazioni sono tante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì è difficile coinvolgere persone, soprattutto se si è alle prime pubblicazioni e ancora si è poco conosciuti

      Elimina