LA ROSA DEI VENTI di Keihra Palevi - Recensione Tricolore

mercoledì 11 febbraio 2015

Buon mercoledì lettori! 

Oggi vi voglio parlare di un libro self di un'autrice italiana di cui non avevo ancora avuto modo di leggere nulla. Si tratta di un romantic-suspense (per la mia gioia!!) anche se in realtà mi sono trovata davanti ad un romance molto particolare, in cui per ora si intuiscono solamente intrighi e cospirazioni che verranno svelati nel capitolo conclusivo in uscita a breve. 

la rosa dei venti

Titolo: La rosa dei venti
Seire: La rosa dei venti – vol. #1 e #2
Autore: Keihra Palevi
Editore: Self Publishing
Pubblicazione: dicembre 2014
Genere:  Romantic Suspense









Sinossi
Laureen e Miguel, due giovani che il destino porta a incontrarsi e innamorarsi.
Lei: poco più che ventenne, si ritrova da sola a dover combattere per mantener aperta la fabbrica di mobili ereditata dal padre, scomparso in circostanze poco chiare. Dalle stelle alle stalle.
Lui: un mezzosangue che non doveva nascere e che, grazie al tardivo riconoscimento del padre, si ritrova ad avere la vita sconvolta. Dalle stalle alle stelle.
Una strampalata richiesta d'aiuto che parte da Venezia e arriva in Venezuela.
Un incontro con sorpresa per entrambi i protagonisti. L'attrazione, la gioia, l'amore.
Un Amore che però dovrà vedersela con molti ostacoli, macigni pesanti, reti invisibili che vengono dal passato, circostanze e personaggi del presente, che la metterà a dura prova. Col rischio di perdersi.
Che accadrà a Miguel e Laureen? Dovranno arrendersi o l’Amore sarà più forte?
La mia opinione


“C’è una storia dietro ogni persona. C’è una ragione per cui loro sono quello che sono. Loro non sono così solo perché lo vogliono. Qualcosa nel passato li ha resi tali e a volte è impossibile cambiarli”

Il passato con le sue sofferenze, le delusioni, le perdite , i tradimenti, ma anche gli affetti e gli amori più sinceri è il perno centrale su cui verte la storia di Laureen e Miguel. Un passato che per certi versi li unisce, ma che potrebbe anche dividerli per sempre.

Questo romanzo è stata una lenta scoperta, durante i primissimi capitoli non posso dire di essere stata pienamente coinvolta, sono stati piuttosto la trama non ancor ben delineata, la curiosità di sapere come due mondi così diversi e lontani si sarebbero potuti incontrare, lo stile narrativo veloce e scorrevole dell’autrice che mi hanno trascinato e permesso di scoprire un libro particolare, con personaggi e storie completamente diversi da ciò che mi sarei aspettata di trovare, per certi versi spiazzanti ma forse ancor più reali.

Un romanzo il cui filo conduttore è sicuramente la dolcissima e intensa storia d’amore tra i due protagonisti, ma che non manca di toccare temi più ampi e problematiche sociali e ambientali. Si parla di emigrazione, deforestazione, crisi economica e delocalizzazione delle aziende…sembrano argomenti che non centrano nulla con un libro del genere e, invece pian piano durante la lettura si capisce quanto la realtà odierna descritta dall’ autrice sia la base degli intricati meccanismi che condizionano la storia d’amore tra i Laureen e Miguel.

Ed è proprio la realtà che fa da sfondo alla storia che mi ha catturato e che l’autrice è riuscita a rendere così bene anche attraverso dialoghi conditi di espressioni dialettali o in lingua spagnola a seconda del personaggio che ci troviamo di fronte, o descrizioni dettagliate dei luoghi in cui si svolgono i fatti.

Anche per i personaggi è stato come nella vita reale, li ho conosciuti poco alla volta, attraverso il racconto del loro passato, della loro storia, i loro comportamenti e i loro principi morali (e non). Non solo i due protagonisti, ma tutti quelli che gravitano loro attorno ci vengono presentati in maniera approfondita e hanno un ruolo fondamentale nelle vicende, un loro profilo psicologico ben definito. Sono persone che si potrebbero incontrare tranquillamente nella vita di tutti i giorni.

Laureen è una ragazza dei nostri tempi, giovane ma schiacciata dal peso delle responsabilità che le gravano addosso dopo la perdita dei genitori. Vive una vita diversa da quella che vorrebbe, vittima del perbenismo e dei pregiudizi di gente che ritiene più importante il denaro che le persone. E’, però molto più forte di quanto lei stessa creda, non si lascia influenzare e ha ben radicati in sé il vero senso dell’amore, della famiglia e dell’amicizia. Il suo desiderio più grande è di avere accanto a sé la persona giusta, quella in grado farle palpitare il cuore e allo stesso tempo condividere con lei la vita, accettandola per com’è realmente.

“Quando entrò nella stanza Miguel sembrava un altro. Non più il ragazzo informale e alla mano e nello stesso tempo meditabondo che si faceva continuamente domande sulla sua vita e sul senso della Vita in genere, ma un giovane uomo attraente e nello stesso tempo dall’aspetto distaccato. Aveva scoperto che se voleva essere rispettato, doveva nascondere il suo lato tenero e potenziare al massimo quello bastardo-ma-giusto.”

Miguel è stata una vera sorpresa. Inizialmente pensavo di trovarmi davanti allo stereotipo del giovane miliardario tormentato che non accetta i sentimenti e li nasconde sotto una maschera di controllo...e invece non è affatto così. Miguel ha un passato doloroso, ma ancor più difficile è stato per lui accettare la sua nuova agiata condizione che gli è arrivata portando con sé un nuovo lutto, un nuovo dolore, un rapporto di odio verso quel padre egoista che si è ricordato di lui solo quando ormai non gli restava altro. E’ affascinante, di una bellezza diversa, frutto di quel mix di razze che gli scorrono nel sangue. Ma soprattutto è un uomo con un animo nobile come forse ne esistono pochi, capace di sacrifici estremi per ciò in cui crede, desideroso di trovare l’Amore, quello vero.

Nonostante la distanza e le diversità, Laureen e Miguel sono due anime affini, che sanno dare la giusta importanza alle cose vere della vita. Ho avuto la sensazione che si fossero cercati nel mondo senza saperlo fino a quando il caso, o il destino, ha deciso di farli incontrare. E allora l’amore nasce improvviso e immediato, si riconoscono, l’attrazione è forte ma il sentimento ancora di più. E’ un amore completo, intenso. Ho particolarmente apprezzato la scelta dell’autrice di porre l’accento su quanto sia diverso descrivere certe scene d’amore quando alla base non c’è tanto il sentimento quanto la semplice attrazione; tra Laureen e Miguel il sentimento traspare in ogni gesto, in ogni parola, in ogni bacio, in ogni risata…

Ho gradito molto i testi delle canzoni che l’autrice cita e che mi hanno fatto arrivare ancor meglio i sentimenti vissuti dai protagonisti. E poi eccolo lì, il finale che mi ha totalmente spiazzato e lasciato con mille interrogativi: cosa ha convinto Laureen a intraprendere quel viaggio? E’ davvero il lieto fine che ci si aspetta o solo l’inizio per aggiungere un nuovo tassello al puzzle di intrighi che sono stati solo accennati? E Laureen e Miguel riusciranno ad andare oltre il passato che sta per travolgerli e vivere il loro amore, o ne saranno travolti?

“El Amor es màs fuerte”

Un libro che consiglio e di cui non vedo l’ora (e allo stesso tempo temo) di scoprire il finale…  

La mia valutazione: CUORECUORECUORECUORE

Vi ricordo che l’uscita per l’ultimo volume della storia di Laureen e Miguel - OLTRE – è prevista per il 21/02


2 commenti:

  1. Ho dimenticato di ringraziarti, meglio tardi che mai....Scusami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma figurati! è stato un piacere per me poter leggere il libro :)

      Elimina